Mara Maionchi la carriera

Mara Maionchi la carriera della produttrice discografica che è tra le donne maggiormente influenti del panorama musicale italiano

chiudi

Caricamento Player...

Ad oggi, Mara Maionchi è la figura femminile più importante del mondo della discografia italiana, dove ha prodotto per conto di diverse major come Sony e Warner. Ha anche prodotto diversi artisti importanti con la sua etichetta indipendente. Dopo aver fatto molti lavori, nel 1966 si è trasferita a Milano e nel 1967 decide di rispondere ad un’inserzione del Corriere della Sera messa da Ariston Records. Superando il colloquio di ammissione con Alfredo Rossi, diventa segretaria dell’ufficio stampa e responsabile di produzione in virtù della sua grande passione per il mondo della musica. Collabora con diversi artisti, prima di essere contattata e assunta dalla Numero Uno di Mogol-Battisti.

Mara Maionchi la carriera e la fondazione di Nisa

Nel 1975 comincia a lavorare con Dischi Ricordi, ricoprendo il ruolo di responsabile editoriale. Nel 1983 dirige, invece, la Fonit-Cetra, dove lancerà artisti importanti del calibro di Renzo Arbore e Mango, nonché contribuendo al successo di Vasco Rossi. Con il marito Alberto Salerno, nel 1983, fonda l’etichetta Nisa e collabora con Tiziano Ferro, pubblicando 3 dei suoi album più importante.

Mara Maionchi la carriera: il grande successo ad X Factor

Nel 2006 Mara e suo marito creano una nuova etichetta indipendente, che si chiama Non ho l’età e che ha lo scopo di aiutare nuovi talenti ad emergere. Nel 2008 diventa giudice del talent show di livello mondiale X Factor e prende parte alle prime 4 edizioni del programma. Ha partecipato, nel 2010, al talent show benefico di Canale 5 Let’s dance condotto da Claudio Amendola e Vanessa Incontrada. Dal 2011 è ospite fissa della trasmissione Amici di Maria De Filippi e ne diventa poi anche insegnante. Nel 2014 torna a X Factor, giunto all’ottava edizione, come conduttrice del talk show Xtra Factor su Sky Uno, che sta attualmente conducendo anche per l’edizione corrente.

FONTE FOTO: FACEBOOK