Non solo musica, il successo dei Maneskin è anche nella scelta accurata e azzeccatissima dei loro look sul palco che omaggiano il rock.

Tutti ne parlano, tutti li cercano, tutti li vogliono all over the world. Questo 2021 i Maneskin non potranno che riconoscerlo come l’anno più bello e sorprendente della loro vita, un momento che ha visto la loro consacrazione come top rock band prima in Italia con la vittoria al Festival di Sanremo, poi all’Eurovision e last but not least negli Stati Uniti aprendo il concerto dei Rolling Stones. Perché a funzionare, come è accaduto da sempre nella storia della musica e del costume, è tutto l’ensemble. Non è solo la musica, ma anche il look di questi ragazzi ad essere espressione piena della loro musica, del loro modo di fare ed intendere il rock.

I Maneskin aprono il concerto dei Rolling Stones: i look indossati sul palco

In questi giorni l’attenzione sui Maneskin è stata altissima e si sono concentrate anche sui loro look scelti in occasione di uno dei momenti più belli e importanti della loro vita, il debutto americano. Camicetta trasparente attillatissima ricoperta di strass blu, stelle bianche, pantalone bicolor rosso e bianco scintillante, è stato l’outfit con cui Damiano e co. hanno reso omaggio all’America, conquistata dalla band in due giorni. Look che in realtà è stato anche un rimando ad un outfit degli Stones indossato nel 1973.

Ma non è l’unica occasione in cui la band italiana ha reso omaggio, ben indirizzati e consigliati dai loro stylist, ai Rolling Stones: il look a torso nudo sfoggiato spesso da Damiano è una costante ispirazione ad un’abitudine che appartiene a Mick Jagger. Ma c’è molto di più: non ci sono solo gli Stones, perché i look scelti dai Maneskin sul palco sono un omaggio sentito a tutte le evoluzioni stilistiche del genere, che ruba dal punk, pizzica dal glam e si evolve alla luce di una tendenza tutta gender fluid, stile che la band abbraccia per scelta molto prima della fama. E soprattutto, dal rock prendono la sua potenza espressiva e liberatoria, che gli permette di mescolare accessori fetish, denim e pelle nera.

Da Etro a Gucci, i brand italiani che impazziscono per la band romana

Il loro gusto gender fluid non è certo sfuggito al fashion system. La loro libertà nel vestire e accostare capi maschili e femminili si è incontrato in una sincronia perfetta con il desiderio della moda di creare un unico stile universale senza distinzioni di genere e di sesso. I Maneskin ne hanno dato prova sin dal Festival di Sanremo, quando hanno indossato tutti per l’ultima serata le stesse jumpsuit trasparenti firmate Etro.

Indifferente a questo fenomeno, al loro stile, libertà e classe da vendere, non poteva esserlo Alessandro Michele, il direttore creativo di Gucci, che dopo Achille Lauro non poteva che vedere in loro i perfetti ambassador dello stile Gucci da sempre fortemente legato alla musica, da cui trae linfa e ispirazione. E alla Love Parade del brand ad Hollywood come potevano non far sentire la loro presenza cantando Beggin’ e sfoggiando uno stile seventy.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 10-11-2021


Orologi donna: quali sono le categorie più ricercate del momento

Kanye West alla conquista del fashion: il marchio Yeezy è la grande scommessa del rapper