Magalli spara ad una volpe per scherzo, Adriana (Volpe) si infuria

In una gag Magalli ha sparato alla foto di una volpe, e così Adriana, ex collega e già in causa col conduttore, ha risposto sui social.

Tutto è nato da una gag, maturata nel corso di una puntata di Comedy Central. Protagonista Giancarlo Magalli che ha sparato alla foto di una volpe. Uno scherzo che non è piaciuto ad Adriana Volpe, che ormai con l’ex collega di I Fatti Vostri ha un conto aperto (i due sono finiti in tribunale). E così la conduttrice ha scritto: “Si è superato il limite! Non posso tollerare quello che è andato in onda. Non è ironia, è una minaccia. Si va a sommare alla battuta: ‘Io non parlo con le bestie’, sempre rivolta a me. Basta a questa violenza verbale, basta alle intimidazioni, a questa violenza subdola e diffamatoria. Questa è una vera e propria persecuzione!”. La replica social ha avuto la controreplica di Magalli, su Facebook. “Rilassati, stai serena, nessuno vuole farti del male”.

Giancarlo Magalli e Adriana Volpe, lite continua

Sembra non avere mai fine la querelle Magalli-Volpe, e dopo l’ultimo avvenimento il conduttore ha scelto di rispondere alla collega con un lungo post. Un modo per difendersi dalle accuse e di tranquillizzare la donna.

“Rilassati, Adriana, nessuno vuole farti del male, soprattutto io che nella mia vita non ne ho mai fatto a nessuno. Quella che hai visto era solo una gag, neanche ideata da me, inserita in un programma di satira, uno di quei programmi che è consigliabile seguire avendo senso dell’umorismo“. Inizia così il post Facebook di Magalli, in cui nell’immagine c’è proprio una volpe con tanto di cuoricino.

Rilassati, Adriana, nessuno vuole farti del male, soprattutto io che nella mia vita non ne ho mai fatto a nessuno….

Pubblicato da Giancarlo Magalli su Sabato 1 giugno 2019

C’è anche il riferimento a quanto sta avvenendo nelle aule di tribunale dopo la lite durante I Fatti Vostri, proseguita poi sui social e passata in mano agli avvocati.

Il botta e risposta social, mentre nei tribunali…

“Ormai ti agiti e ricorri agli avvocati per ogni cosa, accusandomi di ogni nefandezza, soprattutto per dare a me la colpa delle tue vicende professionali. Vorrei ricordarti che abbiamo lavorato assieme per otto anni e il massimo della violenza che è uscito da me è stato dirti ‘rompipalle’: un eccesso del quale mi sono subito scusato. Ma da lì è partito un bailamme di dichiarazioni, mie e tue, interviste, querele e commenti che ci ha travolti”.

“Porta avanti le tue battaglie giudiziarie, ne hai il diritto, vedremo come si concluderanno, ma nel frattempo non avveleniamoci inutilmente la vita inventandoci veleni e minacce e arricchendo avvocati. Stai serena”, così si conclude il post.

ultimo aggiornamento: 04-06-2019

X