M.I.H. Jeans Collezione Estate 2016

 M.I.H. Jeans Collezione Estate 2016, forme tradizionali che si uniscono ad uno spirito innovativo

chiudi

Caricamento Player...

La collezione estate 2016 di questo marchio specializzato in capi di abbigliamento realizzati in jeans (non solo pantaloni, ma anche camicie, gonne, etc.) si caratterizza per delle forme asimmetriche che sembrano ben capaci di unirsi a delle forme più organiche, realizzando, dunque, un sapiente mix di materiali sia nuovi che tradizionali anche nella strutturazione dei negozi del brand sparsi in tutto il mondo. Passando prettamente ai modelli, per quanto riguarda i jeans veri e propri, la prima cosa che balza all’occhio è l’addio al modello stretto alla caviglia che caratterizza più pochi modelli del solito. I jeans M.I.H. dell’estate 2016, seppur non a zampa d’elefante, si caratterizzano per essere larghi e spesso ad altezza della caviglia o poco più su, seguendo quelli che sono i diktat della moda.

M.I.H. Jeans Collezione Estate 2016, la capsule collection che ripropone i capi iconici del brand

M.I.H. Jeans ha anche deciso di deliziare la nostra calda estate 2016 con una capsule collection che ripropone alcuni capi iconici del brand e che si caratterizzano per delle salopette, pantaloni larghi o a zampa d’elefante, hot pants e salopette. Un tuffo nel passato, certo, ma in ottima moderna dando sempre uno sguardo a ciò che è di tendenza e alla moda.

M.I.H. Jeans collezione estate 2016, la collaborazione con Matteo Fogale e Laetitia de Allegri

Per il lancio della collezione estate 2016, il rebrand M.I.H. si è avvalso della collaborazione di Laetitia de Allegri e Matteo Fogale i quali hanno recentemente spiegato le loro intenzioni per i modelli e l’allestimento dei negozi del marchio sparsi in tutto il mondo: “Siamo stati attratti dalla freschezza e dalla leggerezza del marchio, dalla loro storia e dalla loro capacità di rendere moderno il classico. Questo è quello che volevamo esprimere con i nostri progetti. I pezzi sono senza tempo; guardano al passato e lo reinterpretano in chiave contemporanea.”