Look testimone uomo nozze matrimonio inverno

Qual è il look perfetto per il testimone di nozze uomo, se il matrimonio viene celebrato in inverno?

chiudi

Caricamento Player...

Ah, i completi da uomo – oltre ad essere assolutamente sexy – sono decisamente fondamentali come un biglietto da visita per partecipare ad un matrimonio.

Specie se chi lo indossa è un testimone. Siano fratelli, oppure amici di sempre, questi devono rispettare delle regole bon ton assolutamente non da poco.

Oltre al ruolo chiave di custodire le fedi nuziali durante la cerimonia, firmare per testimoniare la legalità delle nozze e stare vicini agli sposi durante tutti i preparativi.

Tornando a bomba sul look: questo dev’essere assolutamente in linea con la cerimonia. Se dunque il matrimonio è poco formale, portate la giacca, certo, ma sappiate che sarà poco utilizzata. Lo stile da ricalcare è quello dello sposo, senza eccessi.

Una bella idea, sia d’estate che d’inverno, è riutilizzare il proprio abito da sposo – se ci si è sposati da poco – e variare dettagli essenziali come la cravatta e ovviamente la camicia.

Il testimone dello sposo, in qualsiasi caso, non deve mai vestire total black. Va bene per un invitato che fa strage di cuori, ma per il testimone decisamente è out. Piuttosto prediligere un classico completo scuro a tre pezzi di colore grigio oppure blu, la camicia dev’essere tenue e la cravatta sempre abbinata.

Banditi i colori cangianti e traslucidi, così come i colori troppo chiari – a meno che non siano parte del dress code richiesto dalle nozze.

Nel caso, invece, lo sposo decida di sposarsi in tight, è bene che tutti i testimoni uomini si vestano allo stesso modo. Lo dice il galateo! Ottimo davvero per una cerimonia invernale, se ci pensate bene, proprio come un principe di un castello di neve, lo sposo scenderà dall’auto accompagnato dai suoi amici più cari con indosso dettagli eleganti come guanti abbottonati e fiori all’occhiello e, perché no, anche il cillindro!

Attenzione a non confondere frac, tight e smoking! Ma questa è un’altra storia…