L’insonnia in gravidanza

Come comportarsi in caso di insonnia durante la gravidanza

chiudi

Caricamento Player...

Sembra che il disturbo sia piuttosto diffuso. Cambiamenti fisici e fattori psicologici ne sono la principale causa; ma pare, secondo i recenti studi, sia quasi un normale processo fisiologico che aiuta ad abituarsi ai frequenti risvegli dei bambini  durante i primi mesi di vita. L’insonnia in gravidanza può comunque essere facilmente combattuta con alcuni metodi semplici e naturali.

Insonnia in gravidanza: cosa fare e come agire

Durante l’attesa possono capitare periodi di ansia e stress alla base dei più frequenti casi di insonnia e riposo non completo. Ma i cambiamneti fisici sono un altro fattore scatenante; nei mesi le modifiche sono tante e il corpo ha bisogno di tempo per affrontare i cambiamenti, causando spesso irregolarità nelle normali funzioni del corpo.

Infine le recenti teorie rivelano sia una normale risposta del corpo in preparazione a quanto dovrà affrontare con la nascita del bambino. I risvegli frequenti, soprattutto durante la notte, non colgono la madre impreparata, ma bensì già abituata nel ritmo dei mesi precedenti.

Il riposo è tuttavia fondamentale, stress e ansia sono da evitare e per diminuire irritabilità e nervosismi esistono alcuni metodi capaci di ridonare il riposo.

  • evitate cibi pesanti a cena e sostanze come caffè e cola
  • cercate di fare qualcosa di riposante prima di andare a dormire; guardate un film in tranquillità, ascoltate  musica rilassante, fate un bagno caldo o un pediluvio; scegliete ciò che vi rilassa
  • attenzione alla scelta del materasso; meglio quelli in lattice o a molle, con doghe in legno; evitate i materassi troppo morbidi o quelli troppo duri che alterano la circolazone sanguigna
  • ingerite cibi che donino calma e con proprietà rilassanti, latte, yogurt, cereali, banane tra i migliori alleati; ottime le tisane e la camomilla
  • informatevi dal medico circa la migliore posizione per dormire
  • fate attività fisica moderata ma costante
  • cercate di abituarvi ad un ritmo di riposo senza troppe variazioni di orari
  • cercate consiglio in caso di ansie e preoccupazioni.