Le controindicazioni degli integratori energetici

Gli integratori energetici, ricchi di vitamine e minerali, danno vantaggi immediati sulla stanchezza ma non è da sottovalutare l’insorgere di possibili effetti collaterali.

chiudi

Caricamento Player...

Il mix di sostanze con cui sono realizzati gli integratori energetici può provocare disturbi del sonno, agitazione e nervosismo. La presenza di caffeina, ad esempio, può portare a uno stato di nervosismo associato ad ansia. Consumi eccessivi possono portare a problemi gastrointestinali e cardiovascolari. I soggetti più a rischio per l’assunzione di integratori energetici sono gli adolescenti e coloro che praticano fitness in modo assiduo, in quanto hanno interesse a ottenere un corpo muscoloso con il minimo sforzo.

Dipendenza

È una delle controindicazioni più diffuse degli integratori energetici. L’organismo tende ad assimilare queste sostanze molto in fretta e ad “abituarsi” ad esse. Il che provoca un effetto contrario a quello desiderato: i benefici diventano praticamente nulli ma si sente il continuo bisogno di assumerli.

Danni per reni e fegato

Gli amminoacidi, specialmente quelli assunti in palestra, affaticano i reni. La loro assimilazione è infatti particolarmente pesante e va a gravare sul naturale sistema di filtraggio. Anche la vitamina A contenuta in molti integratori energetici può avere controindicazioni per il fegato, che non riesce a smaltire correttamente tale sostanza.

Danni per l’apparato gastrointestinale

L’eccesso di integratori energetici può portare difficoltà al processo digestivo. In questo senso, i disturbi più frequenti sono diarrea e crampi alla pancia.

Disturbi sessuali

Alcuni integratori contengono l’ “Androstenedione”, una sostanza che si trasforma in testosterone ed estrogeni, andando a modificare i livelli base di questi ormoni nel corpo. La causa immediata è una disfunzione a livello sessuale, che si manifesta in disturbi del desiderio, dell’eccitamento, dell’orgasmo e del dolore sessuale. Queste disfunzioni risultano particolarmente accentuate se il soggetto coinvolto è un adolescente, in quanto viene indotta una pubertà precoce con relativi problemi nello sviluppo sessuale.