Lavori famosi di Gian Paolo Barbieri

Dagli scatti di moda degli anni Sessanta alla scoperta di un Eros commovente

chiudi

Caricamento Player...

Lavori famosi di Gian Paolo Barbieri hanno costellato la storia della moda e del costume per decenni. Dal deserto posticcio in cui posò Mirella Petteni per Valentino agli scatti in bianco e nero di Dark Memories.

Lavori famosi di Gian Paolo Barbieri : al principio fu Valentino

Sul maestro di tutti i fotografi di moda italiana si racconta spesso un aneddoto curioso, ma che dice molto sul livello di sperimentazione a cui Barbieri spinse la nascente fotografia di moda italiana fin dal principio della sua attività. Nel 1967 curò la campagna pubblicitaria primavera – estate di Valentino, già allora guru della moda e dell’eleganza italiane. In quell’occasione ricostruì nello studio di posa un deserto posticcio, delineato con enormi quantità di semolino contro un fondale che riproduceva i toni delle albe e dei tramonti africani. Grazie a quella campagna e alla memorabile fisicità diafana di Mirella Petteni si espresse con estrema forza l’ideale di bellezza sofisticata, elegante, tendente alla perfezione alla quale Valentino voleva dar forma.

Dark Memories: un eros mai svelato

Negli anni più recenti della sua carriera Barbieri ha voluto spingersi oltre i confini della fotografia di moda che lui stesso aveva tracciato e con i quali tutti i fotografi delle generazioni successive hanno dovuto confrontarsi. Nel libro Dark Memories, del 2013, il maestro Barbieri ha raccolto scatti in bianco e nero di corpi nudi e di fiori, accostandoli attraverso uno sguardo carico di sensualità. Non c’è spazio per il volgare, per la provocazione, nella visione erotica di Barbieri: l’eros è vissuto in modo schietto, estremamente serio, senza facili ammiccamenti. Anche nel ritrarre amori omoerotici e splendidi travestiti, Barbieri riesce a trasmettere semplice, consapevole serenità. Dark Memories sembra suggerire che l’eros come i fiori può avere forme molteplici ma tutte, indistintamente, sono belle, naturali.

Fonte immagine di copertina: Dark Memories photogallery