Latte di cammella: cos’è

Sfruttare al massimo i principi nutritivi e i benefici del latte di cammella ricco di ferro, calcio e vitamine.

chiudi

Caricamento Player...

Sono sempre di più le persone soggette a intolleranze alimentari, tra cui quella al latte vaccino. Le alternative principali sono il latte senza lattosio e le bevande vegetali. Generalmente quest’ulltime vengono ricavate dalle mandorle, dall’avena o dal riso. Adesso, arriva però una novità nel campo alimentare, ovvero il latte di cammella. Definito un latte dalle molteplici proprietà e benefici, ha un gusto cremoso, gustosamente salato ed è ricco di ferro, calcio e vitamina C. Inoltre, è povero di grassi, quindi indicato nelle diete ipocalorico e ottimo da sorseggiare a metà giornata.

Un pieno di salute ed energie bevendo un bicchiere di latte di cammella.

Si narra che i nomadi riuscivano a sopravvivere nel deserto per lunghi periodi consumando esclusivamente il latte di cammella. Definito come l’oro del deserto e dal colore biancastro tendente al rosato è il latte più simile a quello materno umano ed è ricco di proteine. Si trova facilmente nei supermercati degli Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita e Stati Uniti, ma inizia ad essere reperibile anche in Europa.

 

Il latte di cammella è ricco di acido linoleico e altri grassi polinsaturi acidi che sono essenziali per la nutrizione umana. Inoltre, ha più grasso e proteine del latte di mucca mentre il colesterolo del latte di cammello è inferiore a mucca o capra. È anche ricco di vitamine del gruppo B, ma inferiore di vitamina A e B2.

Questo latte può essere consumato anche da chi ha una bassa tolleranza al lattosio, poiché ha un contenuto di lattosio più basso rispetto a quello della mucca. Inoltre è tre volte superiore in vitamina C e dieci volte più elevato in ferro rispetto al latte di mucca. Presenta anche buoni livelli di potassio, magnesio, ferro, rame, manganese, sodio e zinco.