La carriera di Maria Leitner

Tutte le notizie sulla carriera della giornalista

chiudi

Caricamento Player...

Giornalista e scrittrice, da anni si occupa non solo di informazione ma anche di automobilismo e corse grazie ad una forte passione nata già da giovanissima. Noi vi riveliamo tutto sulla carriera di Maria Leitner.

La carriera di Maria Leitner

Iscritta all’albo dei giornalisti professionisti dal 16 settembre 1993.

Nel 1990 conduce una rubrica sull’automobilismo su Telemontecarlo (è la prima giornalista italiana a condurre un programma sulla Formula Uno).

All’età di 13 anni, come traspare da una intervista rilasciata di recente, inizia a guidare nel cortile della casa di Pordenone, la Fiat 500 del padre che non le voleva comprare il motorino.

Commenta per MTV le dirette del Deutsche Tourenwagen Meisterschaft tedesco con il pilota Emanuele Pirro.

Quindi nel 1997, approda in Rai: prima a Rai Sport e successivamente al Tg2 per cui conduce la rubrica settimanale del telegiornale di Rai 2 TG2 Motori.

Nel luglio del 2011è stata anche corrispondente a  New York per il Tg2, trattando anche una più ampia gamma di interessi e informazioni.

Dal 2012 conduce anche l’edizione notturna del Tg2.

E’ una delle opinioniste di punta di moltissime testate nazionali, dando le sue conoscenze ed esperienze al servizio dei lettori.

I motori non la interessano solo in tv, è anche una pilota esperta e ha partecipato a diverse competizioni con risultati soddisfacenti:

  • Ha partecipato a quattro edizioni della Mille Miglia.
  • Ha partecipato e vinto il rally di Monza a fianco di Marco Brandt su Lancia 037

Ben presto è arrivata anche la scrittura e ha collaborato nella stesura di due ottimi libri con discreto successo di pubblico:

  • Maria Leitner, Roberto Gurian e Miky Biasion, L’arte di guidare, ed. Sperling and Kupfer
  • Maria Leitner, Ezio Zermiani e Aldo Ferrara, Race and grace

Nel futuro sappiamo per certo che giornalismo e motori non la abbandoneranno ma saranno ancora un tassello importantissimo.

Fonte immagine di copertina: Facebook