Kledi Kadiu e sua moglie stanno cercando di affrontare al meglio le problematiche legate alla salute del loro piccolo bimbo.

“A 13 giorni dal parto Gabriel ha manifestato febbre e forti convulsioni, espressione di una diagnosi piuttosto complessa: meningoencefalite. L’inizio di un calvario che ci ha davvero messi a dura prova”. Erano state queste le parole di Kledi Kadiu a proposito del problema di salute che aveva colpito il suo secondo figlio avuto con la moglie Charlotte Lazzari. Ed è proprio la donna che in queste ore ha risposto ai tanti fan che le chiedevano quale fosse la situazione e se ne volesse parlare.

Kledi, la moglie sul problema di salute del figlio

Kledi Kadiu
Kledi Kadiu

In uno normale Q&A con i fan, Charlotte Lazzari ha dovuto fare i conti anche con le domande che riguardano il suo piccolo Gabriel la cui intimità è custodita gelosamente dai due genitori. La moglie di Kledi ha risposto ad un utente che le chiedeva se si conoscessero le cause dell’encefalite che aveva colpito il bambino alla nascita: “Certo che si sa ma non ci sentiamo ancora pronti a condividere la nostra storia così personale”, la risposta della donna. “Arriverà un momento in cui lo farò con il solo ed unico scopo di utilizzare questo canale social per fare giusta informazione”, il resto del suo messaggio.

Al momento, quello che si sa sul figlio dell’ex ballerino di Amici e della Lazzari è che è affetto da meningoencefalite, ovvero un’infiammazione che colpisce le meningi e il cervello. 

Di seguito un recente post Instagram di Charlotte col piccolo:

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 15-07-2022


Paola Turci, dedica d’amore per il compleanno di Francesca Pascale

Tommaso Zorzi contro i tassisti: “Sono una lobby. Coi fumogeni e nessuno fa niente”