Ospite a Verissimo, la campionessa Irma testa ha raccontato del suo coming out e di come vive il suo orientamento sessuale.

Domani, 22 gennaio, la prima medaglia olimpica della boxe femminile italiana, Irma Testa, sarà ospite di Verissimo. Nel salotto di Silvia Toffanin, l’atleta parla per la prima volta in televisione del suo orientamento sessuale.

Una scelta coraggiosa quella di Irma Testa in un mondo, quello del pugilato, ancora piuttosto chiuso rispetto a questi argomenti. La campionessa di Torre Annunziata, dopo alcune difficoltà iniziali, vive con molta serenità il suo orientamento sessuale:

“Ho sempre vissuto e affrontato il mio orientamento sessuale con forza e tranquillità. L’ho detto a mia mamma quando avevo 15 anni. Ho fatto fatica perché nella mia famiglia non avevamo mai affrontato questo tipo di tematiche, l’amore per me era l’unione tra un uomo e una donna. Invece, ho scoperto che ci si può innamorare di chiunque e mia madre è stata una roccia anche in quell’occasione”

La vittoria a Tokyo 2020 è stato per lei un vero e proprio riscatto, per tutti i momenti difficili che ha affrontato nella sua vita: “Questa medaglia è un bel riscatto per me perché nella mia vita ci sono stati dei momenti molti bui. A volte in casa non riuscivamo neanche a comprare da mangiare”

Infine, Irma Testa spiega il rapporto recuperato con suo padre, dopo la lunga assenza durante la sua infanzia: “Ora se mi chiama al telefono rispondo, per anni non l’ho mai fatto. Ho messo da parte la rabbia, non ho dimenticato, ma cerco di accontentarlo e di aggrapparmi ai ricordi belli che ho avuto con lui”

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 21-01-2022


Covid nella sua compagnia: Drusilla Foer annulla tre date

Filippo Tortu: i ladri in casa, ma la medaglia d’oro è salva