Ikea case low cost proposte per i migranti

Ikea case low cost: la risposta al problema immigrazione con case di 17 mq a bassissimo costo.

chiudi

Caricamento Player...

Il numero dei rifugiati che vivono nei campi profughi è drammaticamente aumentato negli ultimi anni ed è destinato ad aumentare: molti di loro vivono nelle tende, quindi la soluzione Ikea case low cost potrebbe offrire un alloggio più confortevole ai migranti che in media trascorrono molto tempo nei campi. Su richiesta dell’Alto Commissariato Onu (Unhcr) e di BetterShelter, impresa sociale ideatrice del sistema, sono state commissionate ad Ikea diecimila strutture, alcune delle quali in prima battuta verranno posizionate in Svizzera che si è proposta per prima in Europa di adottarle in via sperimentale: i ricoveri sono già stati testati con successo in altri paesi al di fuori dall’Europa, quali Etiopia, Libano ed Iraq.

Quanto costano e quanto sono grandi?

Le strutture prefabbricate, chiamate “Better shelter” cioè “rifugio migliore”, costano circa mille euro e riescono ad ospitare ben cinque persone in soli 17,5 metri quadrati: la struttura arriva imballata in due scatole di cartone, al loro interno si trova il manuale con le istruzioni di montaggio, secondo il ben noto stile “Ikea del fai da te”. Il montaggio è velocissimo, in sole 4 ore e con l’aiuto di 4-5 persone vengono posizionate e sono pronte per essere utilizzate: sono dotate di pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica e per l’illuminazione e sono ben isolate. Il rifugio offre quindi una soluzione più dignitosa agli sfollati e più conveniente per le organizzazioni umanitarie e la durata della struttura è prevista di tre anni e può essere smontata e riutilizzata quando necessario.

Speriamo che l’esempio della Svizzera venga presto seguito da altri paesi europei tra i quali anche l’Italia, e che questo “esperimento” possa riuscire e diventare non dico una soluzione ma magari un aiuto per dare alle persone in cerca di un nuovo Paese una speranza di salvezza e di rinascita.

fonte foto: Bettershelter