Reykjavik, capitale dell’Islanda, e una dell città più visitate al mondo, raggiungibile attraverso diverse linee aeree.

Basta un weekend per poter apprezzare il fascino di questa città. per questo vi proponiamo un piccolo tour di due giorni alla scoperta della natura e della cultura della città.

Primo giorno: la natura di Reykjavik

Iniziate il vostro viaggio alla scoperta di Reykjavik con il tour del “cerchio d’oro”, che comprende il sito di Thingvellir, le cascate di Gulfoss e Geysir. Gullfoss è la “cascata d’oro” alimentata dal fiume Hvità, è alta 32 metri, cade su due creste e si tuffa in uno stretto canyon. È nota per le sue acque dal colore biancastro e per la presenza, nella zona circostante, di Geyser. Il più celebre è lo “Strokkur” che ogni cinque minuti erutta vapore bollente fino a venti metri d’altezza. Sempre in questa zona si possono osservare i pony islandesi.  Proseguite il vostro tour nel Parco Nazionale Pingvellir, caratterizzato dal campo di lava originatosi dall’incontro tra le placche tettoniche Americana ed Eurasiatica. Un’altra tappa potrebbe essere la Laguna Blu, un’area distante dalla capitale circa 30 chilometri, dove le  acque geotermali hanno originato una piscina calda in cui rilassarsi circondati da fumi di zolfo.

Giorno due: scopri la città

Potete iniziare il tour della città dal Museo Nazionale d’Islanda, che vi condurrà in un viaggio nella storia del paese. Spostatevi poi al Perlan, sede del Saga Museum e di un geyser artificiale; la struttura è una cupola di vetro realizzata sopra i cinque serbatoi cilindrici di stoccaggio dell’acqua geotermica che vengono utilizzati per riscaldare la città. Imperdibile la chiesa Hallgrímskirkja, la più grande della città, realizzata ispirandosi alle formazioni di roccia vulcanica islandese. Come tappa finale scegliete l’Harpa, la sala Concerti e Centro Congressi di Reykjavík, dove si svolgono alcuni dei migliori spettacoli d’Islanda.


Idee per un weekend a Copenaghen

Non dirlo al mio capo, chi è Enrico Vinci