Grease è uno dei musical più celebri e di maggiore successo: in Gran Bretagna il film è stato però accusato di essere omofobo e sessista.

Tra i musical più celebri al mondo, conosciuto anche da coloro che non amano particolarmente questo genere cinematografico, c’è sicuramente Grease. Il film con protagonisti John Travolta e Olivia Newton John è stato spesso lodato, apprezzato, descritto con svariati aggettivi: mai, fino ad ora, era stato però definito “sessista e omofobo”. L’accusa è arrivata dal pubblico britannico dopo che la pellicola è stata trasmessa in TV, sul canale BBC 1, nel giorno di Santo Stefano.

Grease: il film accusato di sessismo e omofobia

Gli spettatori britannici che hanno assistito alla pellicola si sono scatenati sui social network nelle critiche a Grease: c’è chi su Twitter ha chiesto alla BBC di interrompere la trasmissione del film, chi l’ha duramente criticato perché ritenuto “sessista“, oppure “omofobo“, “misogino“, “razzista” o perché, addirittura, “inciterebbe allo stupro“.

Grease
Fonte foto: https://www.facebook.com/GreaseItaly/

Già negli scorsi mesi, in realtà alcuni membri del movimento #MeToo avevano citicato aspramente la pellicola, tanto che a difendere Grease era intervenuta direttamente la sua protagonista principale, Olivia Newton John, che aveva dichiarato: “Si tratta di un semplice film e di una storia divertente da non prendere troppo sul serio”.

Grease: le scene del film sotto accusa

Ma perché prima alcuni membri del movimento #MeToo e ora il pubblico inglese si sono scagliati contro Grease? In particolare a causa di alcune scene: quella in cui Danny si sdraia sul pavimento per guardare sotto le gonne delle studentesse o quella in cui Vince Fontaine invita i ballerini di evitare di formare coppie dello stesso sesso.

Sul banco degli imputati anche il ritornello della più celebre canzone del musical: Summer Nights. Nel brano Danny (il personaggio interpretato da John Travolta) descriva la scena di seduzione con Sandy, il coro gli risponde con la celebre frase: “Tell me more, tell me more, did she put up a fight?“, che in italiano si traduce con “Dimmi di più, dimmi di più, lei ha lottato?“. Per alcuni utenti britannici questa frase sarebbe un incitamento allo stupro.

Fonte foto: https://www.facebook.com/GreaseItaly/

TAG:
cinema

ultimo aggiornamento: 05-01-2021


Da Mina Settembre a Il Commissario Ricciardi: ecco le fiction Rai dell’inverno 2021

“Questo è un uomo”: la docu-fiction su Primo Levi