23 aprile, Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore

Per riscoprire il bello della lettura

chiudi

Caricamento Player...

Organizzata dall’UNESCO, la Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore è un’iniziativa che promuove la lettura, la pubblicazione e la tutela del copyright. Celebrata per la prima volta il 23 aprile 1995, deriva la scelta della data da una tradizione catalana. Il 23 aprile infatti è la data di morte di Miguel De Cervantes. Ma è anche quella della morte di Shakespeare, e della nascita di vari autori. E così, ogni anno questa giornata è un appuntamento fisso nel calendario culturale di tantissimi Paesi.

La Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore

L’obiettivo dell’UNESCO è celebrare il libro come strumento di educazione e confronto, stimolando soprattutto i giovani alla lettura. Un secondo scopo è quello di sensibilizzare alla situazione dell’editoria, evidenziandone i problemi e le prospettive di miglioramento. Sia in Italia che nel mondo, quindi, si organizzano flash mob, incontri e letture all’interno di biblioteche, librerie e non solo. In Italia in particolare la Giornata serve anche a dare il via al Maggio dei Libri. Si tratta di un’iniziativa che sottolinea il valore sociale della lettura nella crescita personale, culturale e civile.

Curiosità e iniziative

In Catalogna, in particolare, la giornata assume un carattere quasi folkloristico. Pare infatti che corrisponda al giorno di San Giorgio, durante il quale gli uomini regalano una rosa alle donne. Per questo, il 23 aprile, i librai regalano una rosa per ogni libro venduto. A Barcellona nello specifico lo spettacolo è assicurato: la famosa Rambla si riempie di banchetti di libri e rose, creando un’atmosfera suggestiva. Un ulteriore incentivo da parte dell’UNESCO è la nomina, ogni anno, di una Capitale del Libro. Quella del 2017 è Conakry, capitale della Guinea. Nominata già per il 2018 Atene, per le sue numerose iniziative di incontri con autori, traduttori e illustratori.