Generation What? le puntate del programma inchiesta di Raiuno

Tutto pronto per la prima edizione del programma inchiesta Generation What? condotta da Benji & Fede in seconda serata su Raiuno

chiudi

Caricamento Player...

Cresce l’attesa per la prima edizione di Generation What?. Il nuovo programma di Raiuno si prepara a fare il suo esordio in tv il 2 settembre alle 23.45 su Raiuno. Una nuova sfida targata Rai che arriva in Italia dopo il grande successo di critica e pubblico avuto in Francia. Il programma, infatti, ideato e creato dalla tv francese, ha colpito l’Unione Europea di Radiodiffusione che ne ha richiesto la messa in onda entro il 2016 anche al di fuori dei confini francesi. Così Generation What? è diventato un vero e proprio caso mediatico.

Prima edizione su Raiuno

La prima edizione italiana di Generation What? è stata affidata alla rete Rai. Dallo scorso aprile, infatti, sul sito ufficiale della trasmissione è possibile rispondere al questionario online per delineare il profilo di un’intera generazione. Per accedervi unico requisito necessario è l’età che deve essere compresa tra i 16 e 34 anni. Tutte le risposte pervenute attraverso il questionario, disponibile online sino al prossimo 31 ottobre, diverranno argomento di studio e dibattito durante le varie puntate del nuovo programma – inchiesta di Raiuno.

La net – generation

Si potrà così raccontare e delineare il profilo della generazione di internet: quei giovani nati e cresciuti ai tempi dell’era digitale tra smartphone, pc, tablet e social network. Non solo quei giovani completamente divorati dalla crisi economica, dal malgoverno di questi ultimi decenni costretti a fare le valigie e trasferirsi all’estero per sopravvivere. Una generazione definita in mille modi dai media: net, net – generation, bamboccioni e chi più ne ha ne metta, ma semplicemente un popolo di giovani ancora capace di sognare. Generation What?, puntata dopo puntata, cercherà proprio di dare voce ai loro bisogni e ai loro desideri. Una generazione in bilico tra sogni, paure, aspirazioni e difficoltà.

 

(fonte foto: Facebook)