L’ernia ombelicale nel neonato è un difetto alla nascita abbastanza frequente, vediamo a cosa è dovuto e come si risolve.

L’ernia ombelicale nel neonato si presenta come un gonfiore più o meno accentuato in prossimità dell’ombelico. Si tratta di un evento piuttosto frequente visto che può presentarsi nel 20% dei neonati. Spesso, inoltre, tende a manifestarsi con un’incidenza maggiore nei nati prematuri.

La manifestazione di questo tipo di ernia può scatenare una certa apprensione nei genitori, ma in realtà questo difetto non rappresenta un pericolo per il piccolo. Inoltre, l’ernia ombelicale nei neonati si risolve spontaneamente e solo in rari casi occorre ricorrere ad un’operazione chirurgica. Vediamo da cosa dipende e quando è necessaria l’operazione.

Ernia ombelicale nei bambini: come si manifesta

Questo tipo di ernia tende a presentarsi con una frequenza più elevata nei bimbi nati da parto prematuro. Alcune volte può essere evidente già alla nascita, mentre in altri casi si manifesta più avanti, in genere entro il sesto mese di vita.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Mamma con in braccio neonato
Fonte foto: https://www.pexels.com/it-it/foto/amore-persone-donna-bacio-3845407/

Quest’ernia è causata da un difetto nella chiusura della parete dell’addome e si verifica a livello dell’ombelico. Più precisamente si sviluppa nel punto in cui i vasi sanguigni prendevano contatto con la placenta ovvero in corrispondenza dell’anello ombelicale. Le sue dimensioni possono variare e spesso l’ernia tende a sembrare più evidente quando il neonato sta piangendo o quando contrae i muscoli dell’addome.

Ernia ombelicale neonato: rimedi e quando operare

Questo difetto non comporta alcun rischio e nella quasi totalità dei casi si risolve in maniera del tutto spontanea con la crescita. Altri rimedi come la fascia per ernia ombelicale nel neonato non sono, invece, consigliati, anzi in alcuni casi potrebbero anche ritardare la risoluzione spontanea di questo difetto. Per questo motivo, bisogna solo aspettare che l’ernia si riduca spontaneamente.

Qualora l’ernia non si risolva il medico o il chirurgo pediatra potrà valutare la necessità di un intervento chirurgico, che viene però suggerito solo dopo i 5 anni. L’intervento consiste in una piccola incisione che viene eseguita in ospedale in day hospital. Raramente, ad esempio se le dimensioni dell’ernia sono maggiori del dovuto, questo tipo di operazione viene consigliata nei bimbi più piccoli.


Cosa si intende per placenta previa e quali rischi comporta

A cosa serve il follicolo e perché è importante per la fertilità