Dove fare il Capodanno? A Venezia!

Un principio d’anno indimenticabile nella città lagunare

chiudi

Caricamento Player...

Dove fare il capodanno? A Venezia! Città meravigliosa nel resto dell’anno, Venezia è una cornice avventurosa e romantica per il Capodanno.

Strategie per visitare Venezia

A Capodanno occorre essere particolarmente attenti nell’organizzare una vacanza a Venezia: la città ospita una moltitudine di turisti provenienti da ogni parte del mondo, quindi molto probabilmente gran parte delle strutture saranno già piene settimane prima del 31 Dicembre.
La cosa migliore da fare sarebbe prenotare con un certo anticipo un hotel ben collegato ai punti nevralgici della città, nei pressi di un imbarcadero per i traghetti. Se si è scelto di pernottare a Venezia per più giorni, approfittando per compiere una visita turistica invernale alla città lagunare, non è conveniente scegliere un pernotto con pensione o mezza pensione, perché questo vi costringerebbe a tornare all’hotel ad orari prestabiliti, interrompendo visite e passeggiate.

E’ bene tener presente che soprattutto in inverno il clima di Venezia è molto freddo, non sono rare piogge intense e, al culmine della sfortuna, ci si potrebbe imbattere in un periodo di acqua alta. E’ bene quindi arrivare attrezzati ad un capodanno veneziano, soprattutto se si intende trascorrerlo in piazza.

Dove fare il Capodanno? A Venezia tutta la magia del Capodanno sul mare

Chi vorrebbe trascorrere il Capodanno scatenandosi al ritmo della musica house rimarrà piuttosto deluso dallo scoprire che in realtà non esistono a Venezia grandi discoteche. I Veneziani amano trascorrere il Capodanno mangiando in uno dei moltissimi ristoranti tipici della laguna, festeggiare in piazza la mezzanotte e poi passeggiare per le calli passando da un localino all’altro fino all’alba.
Un modo alternativo e molto prestigioso per trascorrere il pomeriggio del 31 Dicembre, soprattutto se siete appassionati di musica classica, è lo spettacolo di Capodanno del Teatro della Fenice. Lo spettacolo si comporrà di una prima parte, completamente orchestrale, con musiche di Beethoven, e di una seconda parte cantata in cui saranno eseguite composizioni di Verdi, Britten, Donizzetti.