Domenica In, ecco come rivedere le vecchie puntate

Vuoi rivedere le vecchie puntate di Domenica In? Ecco dove puoi recuperare le prime puntate del popolare contenitore domenicale di Raiuno

chiudi

Caricamento Player...

Domenica In è un programma televisivo di intrattenimento arrivato quest’anno alla sua 41ima edizione. Si tratta di uno dei programmi storici di Raiuno ideato da Corrado nel 1976. Da allora sono diversi i presentatori che si sono scambiati il testimone portando il programma al successo. Da Mara Venier “la signora della domenica” sino a Pippo Baudo padrone di casa incontrastato con tredici edizioni. Si difendono anche Mara Venier e Massimo Giletti a quota nove edizioni.

L’edizione 2016

L’edizione 2016 ha segnato il ritorno a casa di Pippo Baudo. Dopo un periodo di stop, il presentatore ha decido di ripartire proprio dalla sua amata Domenica In, programma che ha condotto per tredici edizioni. Si tratta di un vero e proprio record per Baudo chiamato a ricoprire il duplice ruolo di conduttore e direttore artistico del programma. In realtà non sarà da solo. Con lui, infatti, ci sarà anche l’attrice Chiara Francini e Manuela Zero alla sua prima grande esperienza televisiva. Un trio che sicuramente conquisterà il pubblico televisivo di Raiuno regalando 100 minuti di intrattenimento.

Come vedere le vecchie puntate

Hai perso le prime puntate della nuova edizione di Domenica In? Il programma, cominciato lo scorso 2 ottobre, ha visto partecipare diversi personaggi del mondo della televisione e dello spettacolo. Se vuoi rivedere una delle prime puntante della 41ima edizione non devi far altro che collegarti al sito ufficiale del programma http://www.domenicain.rai.it/puntate/. All’interno del sito, infatti, sarà possibile rivedere comodamente da casa le prime puntate andate in onda del popolare programma domenicale di Raiuno. Padroni di casa della nuova edizione Pippa Baudo, presentatore e direttore artistico, con la complicità di Chiara Francini. In studio c’è anche l’orchestra diretta dal maestro Bruno Biriaco.

(fonte foto: Facebook)