Come riconoscere e curare il dolore al fegato: dalle fitte alla nausea, è importante seguire una dieta sana e senza eccessi alimentari…

Il dolore al fegato si manifesta con fitte più o meno forti in corrispondenza della parte destra del nostro addome, proprio sotto le costole. In alcuni casi può raggiungere anche la schiena e provocare gonfiore addominale. A questo si possono aggiungere nausea e vomito, che si manifestano dopo mangiato.

Nella maggior parte dei casi, dunque, si tratta di dolori dovuti a una cattiva alimentazione. Nei casi più gravi, invece, può trattarsi di problemi più seri per cui sarà necessario rivolgersi al proprio medico.

Vediamo, dunque, quale dieta e consigli seguire per depurare il fegato e alleviare la sensazione di pesantezza.

Dolore alla pancia
Dolore alla pancia

Dolore al fegato: cause

La prima causa di dolore al fegato che può manifestarsi anche in soggetti sani è la cattiva alimentazione. Gli eccessi alimentari come ad esempio abuso di alcolici e consumo non proporzionato di cibi fritti e grassi. Questi cibi e bevande causano un sovraccarico, ovvero richiedono al fegato troppo lavoro causando infiammazione e dolore.

Tra le cause secondarie e sempre più comuni si trovano la sindrome del colon irritabile, colichegastritiulcere o intossicazioni alimentari. Queste patologie necessitano di una terapia medica alla quale verrà affiancata una dieta specifica.

Dolore al fegato: cosa fare

Chi soffre di dolori al fegato risente spesso anche di stanchezza costante e nausea. Alcune abitudini alimentari e di vita corrette possono aiutare a prevenire e ad alleviare questo tipo di fastidi e ad alleggerire il lavoro del fegato. Tra i migliori consigli da seguire ci sono:

1. Mangiate frutta e verdura ogni giorno, in particolare quella che aiuta a pulire il fegato, ossia mele, kiwi, uva, ciliegie, spinaci, carciofi, asparagi e ravanelli.

2. Evitate gli alimenti fritti, surgelati e l’assunzione eccessiva di proteine e carboidrati.

3. Consumate antiossidanti naturali come arance, limone, mirtilli e pomodori.

4. Infine, moderate l’assunzione di farmaci. A meno che non sia strettamente necessario o prescritto dal medico, questi possono sovraccaricare l’attività del fegato irritandolo.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 01-11-2018


Placche in gola? I rimedi per un sollievo immediato

Nausea: cause e rimedi naturali