Tre grandi classici del cinema d’animazione, come Dumbo, Peter Pan e Gli Aristogatti, su Disney + sono vietati ai minori di 7 anni.

I film d’animazione della Walt Disney hanno accompagnato milioni di bambini in tutto il mondo. I grandi classici sono stati spesso acclamati, hanno ricevuto lodi e hanno conquistato gli spettatori più piccoli ma anche quelli più grandi: alcuni di questo, però, sono oggi considerati razzisti e per questo motivo Disney + ha deciso di vietarli ai bambini di età minore di 7 anni. Le pellicole in questione sono tre: Dumbo, Peter Pan e Gli Aristogatti. I film resteranno comunque presenti nel catalogo della piattaforma streaming, ma sono stati rimossi dalla sezione dedicata ai più piccoli.

Disney +: i film d’animazione rimossi perché razzisti

Ma per quale motivo questi tre film sono considerati razzisti? Per quanto riguarda Peter Pan, i nativi americani nel corso del film vengono definiti “pellirossa“, una definizione che nel 1953 (anno di uscita del film) non era ritenuta offensiva e che oggi, invece, non è più considerata accettabile.

Peter Pan
Fonte foto: https://www.facebook.com/PeterPan

In Dumbo, secondo Disney +, il film ridicolizzerebbe gli schiavi afroamericani che ne lavoravano nelle piantagioni degli Stati Uniti. In particolare a finire sotto accusa è una frase di una canzone: “E quando poi veniamo pagati buttiamo via tutti i nostri soldi”.

Gli Aristogatti è invece definito razzista per il personaggio di Shun Gon, un gatto siamese con gli occhi a mandarla e i denti pronunciati che altro non è che una caricatura delle persone asiatiche.

Dumbo, Peter Pan, Gli Aristogatti, i film “razzisti”: l’avviso di Disney +

Come detto in precedenza, Dumbo, Peter Pan e Gli Aristogatti sono stati rimossi solamente dal catalogo destinato ai bambini di età inferiore ai 7 anni. Nel catalogo classico, invece, i film sono preceduti da un messaggio di avviso (la stessa soluzione era stata adottata per Via col vento):

“Questo programma include rappresentazioni negative e/o denigra popolazioni o culture. Questi stereotipi erano sbagliati allora e lo sono ancora. Piuttosto che rimuovere questo contenuto vogliamo riconoscerne l’impatto dannoso, imparare da esso e stimolare il dibattito per creare insieme un futuro più inclusivo”.

Fonte foto: https://www.facebook.com/PeterPan

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 26-01-2021


Foundation: tutto sulla serie TV tratta dai romanzi di Isaac Asimov

Sanremo 2021, ci sarà anche Naomi Campbell: ecco tutte le co-conduttrici