Dimenticato dalla Tv dopo la malattia: Marco Columbro si sfoga

Marco Columbro è stato uno dei conduttori più amati della TV, eppure dopo la malattia è stato completamente dimenticato

chiudi

Caricamento Player...

Negli anni ’90 dominava i palinsesti dei principali canali televisivi, poi l’aneurisma buttò fuori dai giochi Marco Columbro che, dimenticato dai più si sfoga in una lunga intervista a “Il Giornale”

Leggi anche: Marco Columbro: attore e conduttore italiano festeggia 64 anni

Ora Marco Columbro vive di teatro, ma è impossibile non ricordarlo nei varietà, nei giochi e nelle sit-com della fascia serale e pre-serale degli anni ’90.

“Ero al top della carriera, poi sono morto per tutti”

Fu un terribile aneurisma nel 2001 a fermare la sua voglia di fare e il suo entusiasmo. La malattia lo costrinse a un lento recupero che pian piano lo allontanò dalla tv. Così ora, Marco Columbro si sfoga.

“In pochi anni avevo ottenuto il massimo che si potesse desiderare. Quando all’improvviso fui colpito da un’emorragia cerebrale. In realtà si trattò un colpo di fortuna: proprio grazie a quell’emorragia, infatti, scoprirono che nel mio cervello covava qualcosa di ben più grave. Un aneurisma. Come dinamite pronta a esplodere. Me ne liberarono e mi salvarono la vita.”

Tra i suoi successi, ricordiamo “Bellezze al bagno”, “Bungiorno Italia”, “Buona Domenica”, “Fantastico”. Ma Marco Columbro stregò il grande pubblico del piccolo schermo con “Paperissima”, “Scherzi a parte”, “Scommettiamo che”. Un ricordo speciale va alla serie televisiva “Caro Maestro” di cui era protagonista.

“Dal momento della mia malattia, e nonostante la completa guarigione, pur essendo tornato in piena forma in meno di un anno per i dirigenti Mediaset, come per quelli Rai, io sono ufficialmente morto. Nessuno più m’ha cercato. Mi hanno dimenticato totalmente. Di punto in bianco ero semplicemente sparito. E sono spariti pure loro. La gente comune mi cercava, mi chiedeva: “Ma ora che è tornato quello di prima, perché non torna in tv?”. E io non sapevo mai cosa rispondere.”

Marco Columbro spende anche qualche parola per Lorella Cuccarini, con cui ha lavorato per molti anni con molto successo, anche lei non rispettata dalla TV.

“Io e Lorella assieme sbancavamo. Facevamo 8 milioni di telespettatori a sera. Arrivammo a guadagnarci l’investitura più inattesa, da parte della coppia tv per antonomasia: Raimondo Vianello e Sandra Mondaini, che pubblicamente ci definirono i loro eredi. (…) Lorella è stata una delle poche dell’ambiente a starmi sempre vicina. Una vera amica: sono tuttora molto legato a lei.”