Dieta mediterranea? La soluzione alla sindrome metabolica

5 errori da evitare in palestra

Seguire una dieta mediterranea, aggiungendo un supplemento di olio extravergine di oliva oppure di noci, può aiutare a combattere la sindrome metabolica.

Secondo uno studio pubblicato sul Canadian Medical Association Journal da un gruppo di ricercatori spagnoli guidati da Jordi Salas-Salvadó dell’Universitat Rovira i Virgili, per curare la sindrome metabolica può bastare aggiungere qualche semplice ingrediente in più a un’alimentazione basata sui principi della dieta mediterranea.

La dieta mediterranea sarebbe davvero molto utile per combattere questa ormai fin troppo diffusa condizione, una condizione che può comportare l’insorgenza di patologie molto gravi. Essa è una condizione determinata da tre o più fattori come la circonferenza vita eccessivamente grande, la pressione alta, bassi livelli di colesterolo HDL, alti livelli di trigliceridi e di alte concentrazioni di zucchero nel sangue, tutte condizioni che possono aumentare il rischio di diabete, di malattie cardiache e di morte nel paziente.

Leggi anche: L’Acqua è l’Elemento più Importante della Dieta Mediterranea

Mediante uno studio tra il 2003 e il 2010, sono stati esaminati uomini e donne di età compresa fra i 55 e gli 80 anni, tutti potenzialmente ad alto rischio di malattia cardiovascolare.

Ai partecipanti è stata assegnata in modo casuale ad una delle tre diete: una dieta mediterranea integrata con olio extra vergine di oliva , una dieta mediterranea integrata con noci o una dieta a basso contenuto di grassi.

Quasi il 64%dei partecipanti aveva sindrome metabolica all’inizio dello studio, e dopo un periodo di follow-up di 4,8 anni, i ricercatori hanno scoperto che le persone appartenenti ai due gruppi della dieta mediterranea non solo avevano visto diminuire la loro condizione di obesità, ma avevano visto regolarizzarsi anche i livelli di zucchero nel sangue. In 958 partecipanti inoltre, non sono più risultati stati soddisfatti icriteri diagnostici della sindrome metabolica.

Jordi Salas-Salvadó ha spiegato:

“In questo studio clinico ampio, multicentrico e randomizzato che ha coinvolto persone con elevato rischio cardiovascolare una dieta mediterranea integrata con un po’ di olio extravergine d’oliva in più è stata associata a un aumento più limitato nella prevalenza della sindrome metabolica rispetto a una dieta a basso contenuto di grassi. Dato che non c’erano differenze fra i gruppi nella perdita di peso o nel consumo di energia, la differenza è probabilmente attribuibile alla differenza nel regime alimentare”.

Assumere qualche semplice accorgimento, non potrà che aiutarci!

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 16-10-2014

Licia De Pasquale

Per favore attiva Java Script[ ? ]