Dichiarazione in grande stile per George Clooney verso la sua Amal

Clooney alla sua promessa sposa: «Vorrei dire ad Amal ‘ti amo da morire e non vedo l’ora di diventare tuo marito».

chiudi

Caricamento Player...

“Mi sposerò il 26 settembre. A Venezia, in un antico palazzo”.

George Clooney abbracciato alla promessa sposa Amal Alamuddin, bellissima in un abito nero da sera firmato Dolce & Gabbana, straccia il velo sul segreto delle sue nozze con la bella avvocatessa specializzata in diritti umani.

Leggi anche: I primi dettagli delle nozze di George Clooney e Amal Alamouddin

“Dopo la cerimonia andremo in viaggio di nozze solo tre giorni, poi il lavoro mi chiama”

continua George, che al suo arrivo a Firenze in piazza della Signoria è stato accolto dal boato dei fan, tutti appollaiati sulla Loggia dei Lanzi (stavolta col permesso della questura).

Lui si è fermato, da vero divo, ha stretto mani e poi con la sua Amal ha salito tutti i piani della casa comunale fermandosi incantato nel Salone dei Cinquecento, dove Ermanno e Toni Scervino hanno offerto la cena di gala conclusiva dei festeggiamenti per i super ricchi del mondo arrivati a Firenze per la Celebrity Fight Night voluta da Andrea Bocelli per sostenere la ricerca sul Parkinson per il Muhammad Ali Parkinson Centre e la sua stessa Andrea Bocelli Foundation.

E lì, davanti agli altri ospiti, ha fatto la sua dichiarazione:

“Vorrei dire ad Amal ‘ti amo da morire e non vedo l’ora di diventare tuo marito! Venivo a Firenze anni fa in motocicletta — confida poi George con Amal — e guidavo la mia Harley Davidson. Sono stregato da questa città che è un museo a cielo aperto”.

Racconta ancora George ad Amal e agli altri invitati :

“Sono cresciuto in un piccolo centro del Kentucky e avevo Mohammad Alì come mito. Lui era la mia star e mi ha trasmesso tanta passione per la vita. Ricordo ancora il suo impegno contro la guerra nel Vietnam oltre alla sue meravigliose imprese sportive, ha messo la parola fine alla guerra. Per questo mi piace ricordarlo, insieme al fatto che Andrea Bocelli può vedere le tragedie del mondo molto più di tutti noi. E con serate come questa aiutare tanta gente”.

A dare il benvenuto al grande divo di Hollywood anche Agnese Renzi in abito lungo nero di pizzo firmato Scervino, che ha invitato George e Amal a tornare a Firenze per una vacanza romantica.

“Benvenuti a Firenze, e qui nel palazzo che è stato dei Medici”, dice Agnese a George e Amal mentre la raggiungono il sindaco Dario Nardella con la moglie Chiara e l’assessore alle relazioni internazionali Nicoletta Mantovani Pavarotti.

Era atteso anche il premier Matteo Renzi, di ritorno dalla Festa dell’Unità di Bologna, ma impegni di governo legati alla situazione internazionale lo hanno costretto a rientrare subito a Roma.

Alla cena di gala con Amal e George hanno preso parte anche Sophia Loren, Laura Pausini col marito, Michelle Hunziker che ha condotto la soirée, Belen Rodriguez col marito Stefano De Martino, Leonardo Ferragamo con la figlia Mariasole, Claudia Galanti con Eva Cavalli e Tommaso Buti, Michele e Maria Franca Norsa, Laudomia Pucci insieme con lo stilista della maison Emilio Pucci Peter Dundas, e ancora Renzo Rosso, il prefetto di Firenze Luigi Varratta con la consorte Giovanna, Paolo Barilla, Vittorio Grigolo, Elisabetta Gregoraci (senza Briatore), Niccolò Ricci con la moglie Elisabetta.

Emanuela Bertolone.