Diastasi addominale dopo il parto: cos’è e come riconoscerla

Colpisce molte donne nel post parto: la pancia in rilievo potrebbe essere il segnale di una diastasi addominale. Scopriamo meglio cos’è e come riconoscerla.

Durante la gravidanza e nel periodo post-parto il corpo di una donna subisce numerosi cambiamenti, alcuni di questi possono essere “negativi”. Come nel caso della diastasi addominale, che può portare anche ad un intervento chirurgico e colpisce circa il 30% del neo-mamme. Soffrirne durante la gravidanza è del tutto normale e il corpo ha il compito di ritornare come prima del concepimento in maniera lenta e naturale. Purtroppo, però, non sempre tutto torna al suo posto e la diastasi addominale continua a persistere nel corso del mesi post-parto. Scopriamo meglio di cosa si tratta e come riconoscerla.

Cos’è la diastasi addominale

Gravidanza
Fonte foto: https://pixabay.com/it/adulto-bambino-sfondo-urto-vestiti-18604/

Il disagio in questione rappresenta il distacco dei due muscoli retti dell’addome, distanti uno dall’altro di circa 20-25 mm. Durante la gravidanza questo allontanamento avviene a causa dell’embrione che provoca un’espansione per poter occupare lo spazio necessario per crescere. Dopo aver partorito, avere la pancia in rilievo per i successivi mesi è del tutto normale perché il corpo ha bisogno di tempo per ritornare come era prima della gravidanza. Se il problema persiste oltre i 6 mesi, sicuramente si può parlare di diastasi addominale.

La diastasi può presentare principalmente un disagio estetico e si può trasformare in una vera patologia. Soffrirne può causare diversi problemi alla schiena provocando dolori addominali, nausea e difficoltà di digestione e respirazione. 

Come riconoscere la diastasi addominale post-parto

Se la pancia è in rilievo da mesi, ma non sei convinta si tratti di diastasi, l’unico metodo efficace per riconoscerla è calcolare la distanza fra i due muscoli. Solo così sarà possibile richiedere un parere del medico effettuando un’ecografia o una risonanza magnetica.

Un problema da non sottovalutare se si presenta anche senza una gravidanza, infatti può colpire anche gli uomini.

[amazon_link asins=’B0778MHL2S,B07D3PYCTM,B07B3LZDLX’ template=’ProductCarousel’ store=’deltapictures-21′ marketplace=’IT’ link_id=’588d5dcd-845b-11e8-ba10-7f641e69c3df’]

Fonte foto: https://pixabay.com/it/adulto-bambino-sfondo-urto-vestiti-18604/

ultimo aggiornamento: 11-08-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X