Depressione post partum: una mamma su 5 a rischio

5 errori da evitare in palestra

L’ossitocina rivela la predisposizione alla depressione post partum. Lo assicura una ricerca americana.

La depressione post-partum riguarda una mamma su 5. E’ una patologia che si riverbera sul figlio, che risulta a rischio di scarso sviluppo comportamentale, cognitivo e sociale. Ad aggravare questo problema, è la frequente sottovalutazione del caso, troppo spesso anche ignorato. Ora, però, si può identificare con un marcatore del sangue scoperto da una squadra di ricercatori della University of Virginia. Questo test è un ottimo strumento per individuare le donne più predisposte.

Il segreto è nell’ossitocina o “ormone dell’amore”, che svolge un ruolo positivo nel legame materno. Qualità relazionali, gestione dello stress, umore e capacità emotive: il misuratore è il DNA.“Questi marcatori genetici che abbiamo identificato ci aiutano a identificarla in anticipo”, ha detto Jessica Connelly, autrice dello studio che è stato pubblicato sulla rivista ‘Frontiers in Genetics’. I ricercatori hanno riscontrato che, se i livelli del gene recettore dell’ossitocina sono bassi, la donna è maggiormente esposta a sviluppare depressione post partum.

Questa patologia va oltre la stanchezza e lo stress, per arrivare alla mancanza di desiderio di contatto con gli altri e una vera e propria disconnessione con il proprio figlio, con paure estreme rispetto alla sua salute, sensi di colpa e insonnia. “Sappiamo che le donne che hanno sperimentato la depressione prima della gravidanza – avvisa l’esperta – sono a più alto rischio di sviluppare depressione dopo il parto. Tuttavia, anche coloro che non hanno mai sperimentato la depressione possono averla dopo il parto”, conclude la Connelly.

Se vuoi altri aggiornamenti sul mondo femminile, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 10-10-2015

Daniela Cursi Masella

X