Data di scadenza: i cibi che sono ancora commestibili dopo il termine

La classica domanda che tutti ci facciamo guardando l’etichetta di un alimento è se sarà ancora commestibile dopo la data di scadenza.

chiudi

Caricamento Player...

Una delle tante domande che ci poniamo guardando l’etichetta degli alimenti è se è possibile consumarli anche dopo la data riportata. Una lista è stata studiata dall’ingegnere Dan Cluderay e pubblicata sul sito Approved Food che vende proprio cibi commestibili dopo la data di scadenza, a prezzi minori. Vale solo per i cibi che hanno l’etichetta con scritto ”da consumarsi preferibilmente entro”.

10 cibi commestibili oltre la data di scadenza, con alcuni piccoli accorgimenti:

  • Uova: la soluzione per capire se sono ancora buone o no, consiste nell’ immergerne uno in pentolino o in una ciotola con dell’ acqua. Se l’uovo galleggia, vuol dire che non è più commestibile, in quanto al suo interno si sono creati batteri e gas. Se invece è ancora possibile mangiarlo, l’uovo galleggerà. Un ottimo metodo per testare la conservazione, non trovate?
  • Yogurt: generalmente, al contrario di quello che siamo abituati a pensare, può mantenersi buono fino a 6 settimane dopo la data di scadenza. Potrebbe crearsi uno strato di muffa sulla parte superiore, ma basterà toglierla.
  • Cioccolato: il cioccolato si mantiene buono per molto tempo, in quanto lo zucchero al suo interno, gli permette di ottenere un’ottima conservazione.
  • Latte: solitamente si capisce subito quando non è più possibile ingerirlo: se ha un brutto odore o se diventa denso, non va più consumato.
  • Patatine: grazie alla quantità di sale che contengono, la loro conservazione è prolungata anche dopo la data di scadenza.
  • Pane: generalmente il pane fresco, se non congelato, dovrebbe essere consumato in due o tre ma se dovesse diventare duro, basterà scaldarlo nel forno. Se è presente muffa, meglio buttarlo.
  • Verdura e frutta: non presenta muffa, cattivo odore e non è diventata molle, può essere conservata più a lungo.
  • Formaggi: quelli a pasta dura possono essere mangiati anche dopo la data limite riportata, se si formerà la muffa, basterà toglierla. Non vale la stessa cosa per i formaggi a pasta molle.
  • Ketchup: se mantenuto al fresco e lontano da fonti di calore può essere consumato anche dopo 1 anno dalla data consigliata.
  • Riso: è senza dubbio uno di quegli alimenti che può durare mesi anche dopo la data di scadenza, anche anni se viene conservato sottovuoto.