Covid: dall’1 marzo cambiano le regole per i viaggi. Soltanto il Green pass resisterà, mentre la quarantena sarà abolita. Vediamo i dettagli.

Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha annunciato un cambio di regole per quel che riguarda il Covid e i viaggi. Dall’1 marzo 2022, entreranno in vigore nuove linee guida, che prevedono, tra le tante cose, l’abolizione della quarantena. Vediamo, nel dettaglio, cosa cambierà per coloro che arriveranno in Italia dall’estero.

Covid: dall’1 marzo nuove regole per i viaggi

Grazie alla diminuzione dei contagi da Covid-19, il ministero della salute italiano ha preso una decisione molto importante. A partire dall’1 marzo 2022 entreranno in vigore nuove linee guida in merito ai viaggi. Innanzitutto, coloro che arrivano nel bel Paese da una località fuori dall’Unione europea non dovranno più affrontare un periodo di quarantena. Per l’ingresso in Italia, però, restano in vigore le norme precedenti. Il viaggiatore dovrà essere in possesso di una delle seguenti certificazioni: avvenuta vaccinazione, guarigione oppure test Covid negativo.

Gli Stati dovrebbero autorizzare i viaggi non essenziali delle persone vaccinate con un vaccino approvato dall’UE o dall’OMS, delle persone guarite e di tutte le persone che viaggiano da un Paese che figura nell’elenco dell’Ue. Per alcuni di questi viaggiatori potrebbero essere applicate misure supplementari, come i test PCR prima del viaggio“, si legge sulle nuove linee guida in vigore dal prossimo 1 marzo.

Viaggi aerei con il passaporto vaccinale

Quali restrizioni restano in vigore?

Ci sono, comunque, alcune restrizioni che restano in vigore. I viaggiatori che si accingono ad entrare in un Paese dell’UE devono aver ricevuto l’ultima dose del ciclo di vaccinazione primario o dose di richiamo almeno 14 giorni prima dell’arrivo. Coloro che hanno un vaccino non approvato dall’Oms, potrebbero dover effettuare un test molecolare non più di 72 ore prima della partenza. Inoltre, potrebbero dover osservare un periodo di quarantena o isolamento. E’ bene sottolineare che queste restrizioni, tampone e quarantena, potrebbero essere applicate anche a quanti sono guariti dal Covid oppure non posseggono un Green Pass europeo.

Per quel che riguarda i minori, dai 6 ai 18 anni, anche loro devono avere i medesimi requisiti degli adulti. Pertanto, vaccinazione o guarigione dalla malattia. In caso contrario, potrebbe essere richiesto un tampone molecolare da effettuare massimo 72 ore prima della partenza e, in aggiunta, quarantena o isolamento. Per i bambini che hanno un’età inferiore ai 6 anni non sono previste restrizioni.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

coronavirus

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 23-02-2022


“Povero gabbiano”: ecco da dove arriva il famoso tormentone

Cosa sono le Repubbliche separatiste di Donetsk e Luhansk?