Costi di una vertical farm

La coltivazione verticale conviene davvero?

chiudi

Caricamento Player...

Si tratta di un dibattito ancora aperto: quello legato all’agricoltura urbana in verticale. L’idea di costruire grattacieli coltivati è del professor Dickson Depommier, sicuro che in un paio d’anni sarà un successo. D’altronde i primi esempi ci sono già, a Singapore come in Italia e in altri Paesi. Ma i critici parlano di una spesa eccessiva, che abbatterebbe tutti i presunti vantaggi dello skyfarming. Certo, costruire un grattacielo è sempre costoso, ma sembra che i costi di una vertical farm verrebbero recuperati grazie all’uso di energie rinnovabili. Cerchiamo di vederci chiaro in questa guida.

Costi di una vertical farm

Secondo Depommier, la soluzione per alimentare una vertical farm sarebbe usare pannelli fotovoltaici, pale eoliche, e se non bastasse scarti vegetali convertiti in energia. Altri sostengono che tutto questo non basterebbe, perchè la luce migliore è quella solare diretta. La quale, però, non colpirebbe adeguatamente le piante messe una sopra l’altra su scaffali. Il complesso sistema di coltivazione idroponica necessario, inoltre, costerebbe milioni di euro. Ma la produzione a costo zero, che ammortizzerebbe le spese di trasporto, li farebbe recuperare. L’acqua inoltre verrebbe riciclata, depurata dalle piante stesse. Un fatto importante considerata la scarsità idrica del pianeta.

Vantaggi per l’alimentazione mondiale

Sulla questione dei costi ancora si discute, ma è indubbio che il vertical farming potrebbe salvare la Terra dal sovrappopolamento e dalla fame diffusa. Entro il 2050 il pianeta raggiungerà i 9 miliardi di abitanti, l’80% dei quali vivrà nelle città. I terreni agricoli sono così pochi che alcuni Paesi, come la Cina, comprano campi in altri continenti per produrre il cibo. Le fattorie verticali consentirebbero invece di coltivare ovunque e risparmiando spazio. L’ambiente interno controllato, depurato e filtrato avrebbe condizioni monitorabili, e anche in posti freddi come la Siberia si potrebbe coltivare. Ma solo il tempo ci dirà se questa soluzione avrà successo.