Un’alleata naturale della nostra forma fisica

Cos’è la pilosella? Questa pianta ancora poco conosciuta e diffusa nel Nord Italia ha numerose proprietà benefiche che la rendono utile nel contrastare la cellulite, la ritenzione idrica e in generale per favorire la perdita di peso.

Cos’è la pilosella? Il nome e la diffusione

La pilosella è una pianta erbacea annuale o perenne, il cui fiore ricorda una margherita gialla. Il suo nome significa “pelosetta” e deriva dal fatto che le foglie di questa piante sono ricoperte da una sottile peluria bianca. Raramente supera il metro di altezza e cresce in ambiente collinare o montano. In Italia è diffusa nelle Alpi e Prealpi, mentre a livello mondiale è particolarmente frequente in Nordamerica, Europa e Asia.

Le funzioni più apprezzate della pilosella

In erboristica della pilosella vengono utilizzate praticamente tutte le parti, ricche di polifenoli, mucillagini, e flavooidi.
Si producono a partire dalla pianta tintura madre (di cui si consiglia di assumere un massimo di 30 gocce diluite in acqua), estratto fluido o secco in capsule, decotti e tisane.
La pilosella è un ottimo antisettico naturale, inoltre ha funzioni drenanti che consentono di liberare facilmente il corpo dei liquidi in eccesso depurando efficacemente i reni. I flavonoidi infatti riducono la quantità di acido urico presente nell’organismo e che aumenta quando si segue un’alimentazione disordinata. Accumuli eccessivi di acido urico possono causare gonfiori, indolenzimenti e dolori diffusi.
Grazie a queste proprietà è una pianta particolarmente indicata per curare episodi più o meno gravi di cistite e di altre infezioni dell’apparato urogenitale. Ha inoltre proprietà antimicrobiche, antivirali e antifungine.
Le mucillagini che la pilosella contiene la rendono in grado di favorire l’attività intestinale.
In fitoterapia si consiglia di assumere i derivati della pilosella assieme ad altri vegetali che possano migliorarne l’efficacia. La gramigna è ottima per potenziare l’azione diuretica delle pilosella, mentre la linfa di betulla favorisce lo smaltimento dell’acido urico.

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

ultimo aggiornamento: 09-06-2016


Visitare Glorenza, uno dei Borghi più Belli d’Italia

Fare il gelato senza uova