Un’arte tessile, del pizzo fatto a nodi, che sta lentamente scomparendo. Il macramè ha origini arabe, ma poi è diventato comune anche in Liguria.

Cosa significa macramè? In arabo “fazzoletto con frange“, ma il termine è passato a designare tutti i tipi di guarnizione per tessuti formata da fili intrecciati. Questa particolare arte tessile è poi approdata anche in Italia, in particolare in Liguria. Ora però questa tradizione sta lentamente scomparendo, anche se è ancora portata avanti da pochi.

  • Origine: dall’arabo;
  • Quando viene usato: per indicare una particolare tecnica tessile;
  • Lingua: arabo;
  • Diffusione: mondiale, anche se non molto conosciuta.

L’origine del macramè e l’arrivo in Italia

La tecnica del macramè è antichissima e, come detto, di origine araba. Secondo una teoria il mondo occidentale entrò in possesso dei primi esemplari realizzati con questa tecnica grazie al bottino che i crociati portarono in patria di ritorno dalle crociate. Le donne italiane avrebbero quindi imparato – e in alcuni casi migliorato – la tecnica originale.

macramè
macramè

Secondo un’altra teoria probabilmente più veritiera il macramè arrivò in Italia grazie ai marinai liguri che l’importarono dall’Africa e lo introdussero gradualmente nei circuiti commerciali del Medioevo.

il macramè oggi: un sapere tradizionale a rischio

Dal momento in cui i marinai fecero sì che il macramè passasse il mare questa tecnica si radicò profondamente nella cultura artigianale italiana, tanto che tra il XVI e il XVII secolo in moltissimi conventi e monasteri italiani si eseguiva il macramè ma la Liguria rimase il principale centro di produzione italiano. In particolare visse e operò a Chiavari la prima, grande e riconosciutissima maestra di quest’arte, di cui ancora oggi si tramanda il nome: Maria Picchetti. 

Tra i principali esportatori dei merletti in macramé liguri va sicuramente citato Giuseppe Perazzo che nel 1860 rivendeva a Costantinopoli questi tipi di tessuti di produzione chiavarese.

La caratteristica che rende estremamente prezioso e allo stesso tempo pericolosamente esposto all’estinzione è la totale irriproducibilità industriale del macramè. Questa tecnica infatti può essere appresa, eseguita e tramandata soltanto da mani umane. Nell’epoca della pressoché totale industrializzazione della produzione tessile questo innalza moltissimo i prezzi di queste piccole opere d’arte tessile e, di fatto, ne limita moltissimo i volumi di vendita.

Esiste una sola famiglia oggi, nel paese di Lorsica, che confeziona a mano la stoffa tradizionale in lino con lunghe frange da intrecciare con la tecnica del macramè.

Scopri anche che cos’è il tuxedo e la sua storia!

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 01-10-2019


Cosa significa tuxedo?

Dove comprare l’aglione?