Scopriamo insieme il significato del termine “legittima difesa”: l’origine ed alcuni esempi d’uso nell’ordinamento giuridico italiano.

Sicuramente quando avete sentito parlare di legittima difesa è stato quando si è affrontato un argomento di cronaca o di atti processuali in cui si è voluta descrivere una forma di autotutela che un individuo ha adoperato perché trovatosi in una situazione di pericolo e dalla quale si è dovuto difendere da solo e coi propri mezzi perché impossibilitato a rivolgersi all’autorità pubblica.

  • Origini: dalla lingua latina, legitimus (conforme alle leggi) e defensa (difendere).
  • Quando viene usato: per indicare una sorta di autodifesa (per sé o per altri) ove non è stato possibile rivolgersi alle autorità pubbliche.
  • Lingua: latina
  • Diffusione: globale.

Il significato e l’origine di legittima difesa

Nell’ordinamento giuridico italiano, la legittima difesa è una causa di giustificazione che non va però, confusa con la vendetta. Essa è nata nel 1930 e nel tempo è stata anche esaminata più volte e sotto molteplici punti di vista. Oggi L’istituto della legittima difesa è disciplinato dall’articolo 52 del codice penale che recita così:

1).”Non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di difendere un diritto proprio od altrui contro il pericolo attuale di un’offesa ingiusta, sempre che la difesa sia proporzionata all’offesa. 2).Nei casi previsti dall’articolo 614, primo e secondo comma, sussiste il rapporto di proporzione di cui al primo comma del presente articolo se taluno legittimamente presente in uno dei luoghi ivi indicati usa un’arma legittimamente detenuta o altro mezzo idoneo al fine di difendere:

a) la propria o la altrui incolumità;

b) i beni propri o altrui, quando non vi è desistenza e vi è pericolo d’aggressione.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

sparare con la pistola
sparare con la pistola

3).La disposizione di cui al secondo comma si applica anche nel caso in cui il fatto sia avvenuto all’interno di ogni altro luogo ove venga esercitata un’attività commerciale, professionale o imprenditoriale. 4). Nei casi di cui al secondo e al terzo comma agisce sempre in stato di legittima difesa colui che compie un atto per respingere l’intrusione posta in essere, con violenza o minaccia di uso di armi o di altri mezzi di coazione fisica, da parte di una o più persone.

Esempi d’uso di legittima difesa

Per chiarire al meglio il concetto di “legittima difesa” ecco alcuni esempi d’uso di frasi contenenti questa espressione:

-Quell’uomo dinanzi alla corte ha invocato la “legittima difesa” per giustificare quanto accaduto nella sua abitazione.

-Forse quella donna potrà avere l‘attenuante della legittima difesa.

TAG:
cosa significa

ultimo aggiornamento: 22-07-2021


Come imparare a suonare il pianoforte: ecco alcuni consigli pratici

Green Pass obbligatorio in Italia dal 6 agosto: tutte le attività comprese nel decreto