Cosa portare per pranzo in spiaggia?

Pasta, frutta fresca, tanta acqua per i pasti dell’estate

chiudi

Caricamento Player...

Cosa portare per pranzo in spiaggia? Alimenti sani, leggeri e ricchi d’acqua saranno la scelta migliore per il pranzo estivo. Dopo un lungo periodo di attenzione alla nostra alimentazione per superare felicemente la prova costume sarà bene non recuperare i chili persi con tanto sacrificio mangiando in maniera disordinata durante le vacanze.

I nemici della linea

La spensieratezza del periodo estivo ci porta inevitabilmente ad essere più indulgenti con noi stessi: ore di sonno e dei pasti non regolari, qualche allegra concessione alla gola, pigrizia imperante sotto all’ombrellone, e la forma fisica ne risente.
Per quanto riguarda l’alimentazione in estate sarà molto semplice ritrovarsi a mangiare snack dolci e salati, gelati confezionati, merendine di vario tipo perché sono semplici sia da reperire sia da consumare sulla spiaggia.

Ebbene questi cibi, assieme alle bevande gasate e ai fritti sono i nemici giurati della nostra linea e del nostro benessere estivo. Rallentano infatti la digestione, inducono sonnolenza (che si aggrava con il sole) e non apportano la necessaria dose d’acqua al nostro organismo, messo a dura prova dalla calura estiva.

Cosa portare per pranzo in spiaggia?

Facendo un piccolo sforzo organizzativo e vincendo la pigrizia, si dovrebbero preparare ogni giorno pasti freschi ed equilibrati da portare in spiaggia.
Non dovrebbero mai mancare verdura e frutta fresca, magari già tagliata e conservata in contenitori ermetici e borse frigo: carote e cetrioli crudi, già puliti e tagliati saranno un ottimo spuntino di metà mattina.
Albicocche, ciliegie, pesche e meloni sono i classici frutti estivi che, oltre ad apportare una gran quantità di fibre e di acqua sono molto pratici da portare e consumare in spiaggia.
La pasta, il riso e il cous cous sono ottime basi di carboidrati per preparare piatti unici e freddi, in cui combinare verdure, carne o pesce, formaggio. L’importante sarà condire questi piatti con poco olio di oliva e verdure fresche o grigliate, mai fritte. Evitiamo anche i condimenti già pronti, soprattutto i sottoli, che rallentano la digestione.
Le uova, soprattutto sotto forma delle tanto amate frittate, andrebbero consumate con molta parsimonia, perché necessitano di tempi lunghi per essere digerite.
I panini sono naturalmente la scelta più pratica e comune per il pranzo sulla spiaggia. Non presentano particolari inconvenienti e, farciti a dovere, possono rappresentare un pasto completo. L’importante è utilizzare pane fresco, preferibilmente integrale e condimenti leggeri come affettati magri (prosciutto cotto, bresaola, fesa di tacchino) e verdure fresche o grigliate (pomodorini, zucchine, lattuga). Evitare assolutamente le salse come mayonese e ketchup, che appesantiscono il pasto, non apportano nutrienti utili e sono estremamente grasse.