Coronavirus su scarpe, vestiti e superfici: accorgimenti contro il contagio

Coronavirus su scarpe, vestiti e superfici? Ecco come comportarsi

Su scarpe, indumenti e superfici il COVID-19 sopravvive? E per quanto tempo? Gli esperti rispondono, indicando anche i giusti accorgimenti da adottare.

Molti si chiedono se il nuovo coronavirus COVID-19 rimanga sulle superfici, sulle scarpe e sugli indumenti in generale, e anche per quanto tempo. A questo proposito circolano molte fake news, ma i virologi e gli esperti hanno spiegato nel dettaglio come il virus sopravvive e anche gli accorgimenti che ognuno di noi deve adottare in maniera da prevenire il contagio.

Superfici e coronavirus: la parola agli esperti

A venire in soccorso della popolazione, il virologo Fabrizio Pregliasco, in un’intervista a La Stampa, ha spiegato che “è vero che il virus può sopravvivere qualche giorno (sulle superfici, ndr), ma con una carica virale in quel caso irrisoria (in casi diversificati, ndr)”. In particolare questo è vero in merito alle scarpe e ai vestiti, di cui molti avevano dei dubbi.

Persone allarme coronavirus
Persone allarme coronavirus

Allo stesso modo Roberto Burioni, intervenuto nel corso della trasmissione Che tempo che fa, ha dichiarato in merito ai tempi di sopravvivenza del virus, che alcuni stimavano fino a 9 giorni: “Non è vero che può vivere così a lungo. Il virus mantiene una carica infettiva notevole per un giorno su carta e cartone, due giorni sulla plastica e quasi tre giorni sull’acciaio. Superfici, queste ultime due, facili e opportune da pulire o disinfettare per sicurezza con qualsiasi detergente igienizzante“.

Gli accorgimenti da adottare in casa

Quindi per quanto riguarda le scarpe e gli indumenti come si procede? Stando a quanto dichiarato dagli esperti, non c’è grande rischio che il virus rimanga attaccato ai nostri indumenti e nello stesso tempo mantenga una carica virulenta grande da infettare una persona. Però è consigliato, quando si esce, di lasciare le scarpe, i giubotti e i vestiti in un contenitore e metterlo in una zona sicura della casa.

Nell’abitazione serve inoltre mantenere un’igiene profonda, pulendo e disinfettando frequentemente tutte le superfici più sensibili, come maniglie, lavandini, tavoli e sedie. In particolare, come scritto nel Manuale verde per la prevenzione dell’epidemia, fatto circolare nel Sud Est Asiatico da GreenPeace, la casa si deve dividere in due parti: le aree di vita e le zone cuscinetto. In queste ultime bisogna far confluire tutti gli oggetti che provengono dall’esterno, come scarpe e vestiti, e nelle prime è necessario mantenere una pulizia costante.

La quarantena fa ingrassare? Scarica QUI la dieta da seguire ai tempi del coronavirus.

ultimo aggiornamento: 29-03-2020

X