I consigli per il tatuaggio sul contorno labbra

Un piccolo intervento di bellezza semipermanente

chiudi

Caricamento Player...

I consigli per il tatuaggio sul contorno labbra: assicurarsi della professionalità del tatuatore e della qualità dei pigmenti utilizzati.

Cos’è un tatuaggio semipermanente al contorno labbra?

Si tratta di un intervento estetico e correttivo che prevede l’inserimento di pigmenti riassorbibili al livello superficiale della cute delle labbra.
Si parla di tatuaggi permanenti o semipermanenti ma, dal momento che i pigmenti utilizzati sono differenti da quelli impiegati per l’esecuzione di tatuaggi normali e vengono riassorbiti dal corpo nel giro di un anno o due: si definiscono quindi più correttamente tatuaggi semipermanenti.

La differenza di durata sta nella qualità e nel tipo di pigmenti utilizzati, che devono essere bioassorbibili e prodotti secondo le direttive del Consiglio Europeo ResAp (2003)2 e ResAp (2008)1 e della normativa europea sui prodotti cosmetici 76/768/CEE e modifiche successive.
La scelta dei colori bioassorbibili deriva dal fatto che i colori permanenti, a base di ossido di ferro, si ossidano con il tempo, alterando il proprio colore e diffondendosi sotto pelle (è il motivo per cui le linee di tatuaggi molto vecchi risultano più spesse e confuse rispetto a quando il tatuaggio è stato appena tracciato).
Il tatuagore abilitato all’esecuzione di tatuaggi semipermanenti sono abilitati dalla Regione e devono disporre di dermografi, ovvero di strumentazione adeguata all’esecuzione del tattoo, che non può assolutamente essere eseguito con gli strumenti destinati ai tatuaggi permanenti.

I consigli per il tatuaggio sul contorno labbra

Il passaggio preliminare necessario alla corretta progettazione di un tatuaggio semipermanente alle labbra è il tracciamento della cosiddetta linea zero. Si tratta di una traccia estremamente leggera, che il tatuatore esegue per avere una traccia su cui operare modifiche successive.
Il tatuaggio semipermanente alle labbra può essere eseguito con colori differenti, più o meno scuri e più o meno naturali, a secondo dell’incarnato e dei desideri della cliente. E’ bene sapere che tatuaggi semipermanenti dal colore più intenso andranno ripresi periodicamente per rallentarne la sparizione. Colori più naturali invece non avranno bisogno di essere intensificati.