Come stimolare ciclo ritardato

Ciclo ritardato? Possiamo provare a stimolarlo!

chiudi

Caricamento Player...

Il ciclo può tardare per vari fattori: scarsa alimentazione, fattori ormonali, malattie, problematiche relative alla tiroide o gravidanza.

Se però siamo sicure che il ciclo ritardato non sia dovuto ad una delle cause sopraelencate, possiamo provare a stimolarlo attraverso una serie di metodi naturali.

Uno di questi è mangiare sedano: il sedano, che oltre ad essere un ottimo rimedio antifame visto il bassissimo apporto calorico, contiene l’appiolo, una sostanza che favorisce le contrazioni uterine e di conseguenza la discesa del mestruo.

Se poi vogliamo dar retta alle credenze popolari possiamo provare con un pediluvio caldo: le temperature molto basse o l’ingestione di alimenti freddi potrebbero bloccare le mestruazioni, e il calore dell’acqua a contatto coi piedi contribuirebbe a riportare tutto nella norma.

Altro rimedio…’termico’ consiste nella borsa dell’acqua calda a contatto con la pancia, o con la somministrazione di calore nelle varie fasi della giornata tramite bagni o docce calde: l’azione vasodilatatrice del calore sarebbe decisiva per stimolare il ciclo ritardato. Prendere l’abitudine di consumare una tisana prima di andare a letto avrebbe un effetto rilassante e favorirebbe la comparsa delle mestruazioni: via libera quindi a un decotto con salvia e cannella o a una tisana con rosmarino, millefoglio e finocchietto. Se abbiamo bisogno di un effetto rilassante, possiamo provare la tisana alla melissa o la cara e vecchia camomilla, perché il ciclo potrebbe ritardare o addirittura bloccarsi anche a causa di situazioni di stress eccessivo che nel nostro organismo potrebbero portare un innalzamento improvviso della prolattina.

Se invece abbiamo bisogno di quella spintarella in più affinché arrivino le mestruazioni, possiamo affidarci alla fitoterapia: il dong quai, o Angelica Cinese, disponibile anche in gocce, che favorisce l’afflusso di sangue verso l’utero, oppure il cohosh nero, una pianta perenne del Nord America che fa parte della famiglia del ranuncolo, che contribuisce allo sfaldamento del rivestimento uterino.