Come riconoscere i funghi è una domanda comune tra chi decide di andare a raccoglierli. Scopri le dritte da seguire.

Con la bella stagione, torna ad imporsi il quesito annuale sul come riconoscere i funghi. Molte persone scelgono infatti di andare a raccoglierli e per questo motivo sentono il bisogno di riconoscere i funghi al fine di non trovarsi a mangiare quelli pericolosi. Scopriamo quindi quali sono le regole da seguire per non sbagliare.

Come riconoscere i funghi commestibili

La prima cosa di cui preoccuparsi quando si va in cerca di funghi è come riconocere i funghi buoni da raccogliere.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

funghi
Fonte: https://pixabay.com/it/photos/castagne-r%C3%B6hrling-tappo-marrone-3708755/

Per farlo, la regola d’oro sarebbe quella di conoscere così bene le specie che si incontrano da individuarle al primo colpo. Il segreto, in tal senso è quindi quello di evitare di avvicinarsi a funghi sui quali non si è del tutto sicuri.

Anche andare per le prime volte con un intenditore può rivelarsi utile, a patto ovviamente di farsi insegnare tutto quel che c’è da sapere, tenendo gli occhi sembre aperti e facendo quante più foto possibili.

Funghi velenosi: come riconoscerli

Ovviamente ci sono funghi commestibili e non, e a tal riguardo è molto importante anche saper riconoscere a primo sguardo quelli che non andrebbero neppure toccati.
Spesso, infatti, può rivelarsi pericoloso anche solo mettere le due diverse tipologie nel cestino con l’idea di dividerli una volta a casa. Molto meglio evitare del tutto di raccoglierli e stare anche alla larga dalle tante pratiche sparse per il web che spiegano come riconoscere i funghi velenosi attraverso l’uso del coltello o altre tecniche che possono condurre in errore.

Detto ciò, è quasi sicuro che funghi con gambo o testa rossi sono velenosi. Il rosso, infatti, è il colore con cui i funghi indicano al possibile predatore di stargli lontano.
Seguendo queste semplici regole, tra le quali vige prima di tutto quella di saper sempre dare un nome certo ai funghi che si vedono in giro, si potrà procedere con maggior sicurezza, evitando di stare male.

Detto ciò, per precauzione, è consigliabile raccogliere solo funghi grandi, cuocerli per bene, assicurarsi del loro essere salubri prima di essiccarli o conservarli in altro modo. Infine, cosa non meno importante, anche se si pensa di essere sicuri su quanto raccolto e mangiato è preferibile allertare subito il medico in caso di sintomi sospetti.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/castagne-r%C3%B6hrling-tappo-marrone-3708755/


Addobbi matrimoniali fai da te: consigli semplici per realizzarli

Come sbucciare le castagne con i metodi più veloci ed efficaci