Come funziona lo spray autoabbronzante? E’ sicuro?

Un’abbronzatura senza macchie, ma che macchia

Come funziona lo spray autoabbronzante? Questo rapido intervento cosmetico dona un colorito uniforme ma poco duraturo

Cosa contiene lo spray autoabbronzante?

La soluzione acquosa utilizzata per le sedute di abbronzatura spray contiene il 14% di Diidrossiacetone o DHA.

Questo composto chimico di origine completamente vegetale e molto simile allo zucchero raffinato, è in grado di interagire con le proteine (cheratine) e gli aminoacidi provocando un’alterazione della pigmentazione della pelle che non coinvolge la produzione di melanina.

Si tratta di un composto sicuro a patto che non si superino le dosi massime consigliate e, soprattutto, se non viene inalato poiché in questo caso potrebbe dare origine ad attacchi d’asma in soggetti predisposti.

Anche se non esistono dati certi in merito è sconsigliato sottoporsi troppo frequentemente a sedute di abbronzatura spray, poiché non è ancora dato sapere se il DHA sia davvero in grado di comportare mutazioni genetiche delle cellule che formano il sistema respiratorio come si è ipotizzato.

Come funziona lo spray autoabbronzante?

Il Diidrossiacetone può essere veicolato sia da soluzioni acquose sia a creme oleose, perché esattamente come lo zucchero viene veicolato senza alcun problema sia dai grassi sia dall’acqua.

Per queste sue caratteristiche viene utilizzato sia nella formulazione di creme autoabbronzanti sia nella formulazione di spray autoabbronzanti. Nel caso delle creme sono considerati sicuri i composti che contengano un massimo del 10% di Diidrossiacetone, mentre nel caso delle soluzioni acquose sono accettabili soluzioni al 14%.

Se il funzionamento è identico, è il tempo necessario all’applicazione a costituire la differenza macroscopica tra la crema autoabbronzante e lo spray.

La crema autoabbronzante va stesa con le mani e naturalmente questa operazione richiederà un certo lasso di tempo. Un altro svantaggio consiste nel fatto che sarà necessario lavarsi accuratamente le mani dopo l’applicazione in maniera che non rimangano sgradevolmente macchiate.

Lo spray autoabbronzante si distribuisce sul corpo attraverso una sorta di compressore, simile a quello utilizzato per le vernici spray. Il tempo di applicazione è estremamente ridotto e, essendo più concentrato rispetto a qualsiasi crema, ha un’efficacia più rapida.

Dopo aver effettuato una seduta di abbronzatura spray è necessario evitare di lavarsi per le successive 8 ore per non eliminarne gli effetti.

L’abbronzatura spray come ogni altra forma di abbronzatura ottenuta attraverso cosmetici non stimola la produzione di melanina, quindi è fondamentale adoperare una protezione solare se si decide di prendere il sole nei giorni seguenti a una seduta di abbronzatura spray.