Molto diffuso negli Stati Uniti e in Inghilterra, in Italia invece il contraccettivo sottocutaneo femminile è ancora poco conosciuto, ma può essere una valida alternativa ad altri metodi più diffusi, come la pillola o la spirale. Ecco come funziona

Il contraccettivo sottocutaneo, come fa intuire il suo stesso nome, è un dispositivo che viene impiantato sotto la pelle, in genere nella parte inferiore dell’avambraccio.

Si tratta di un bastoncino largo 2 mm e lungo 4 cm che rilascia gradatamente, una volta collocato, il progesterone. Quindi non contiene estrogeni, ed è indicato per le donne che hanno controindicazioni nell’assunzione di questi ultimi. Una volta messo ha la durata di tre anni, e non si deve più pensare a nulla. L’impianto viene fatto in genere nei primi giorni del ciclo mestruale, o nella settimana di interruzione della pillola, ed è attivo da subito.

Presenta gli stessi effetti collaterali possibili della pillola, e la sua sicurezza è garantita al 99,9%. Nel momento in cui si desiderasse invece affrontare una gravidanza, la fertilità viene ripristinata immediatamente dopo la rimozione.


Ansiolitici senza ricetta medica quali sono

Quali sono fiori di Bach per rimanere incinta