Come fare sexting su Snapchat: 7 consigli per non sbagliare

Snapchat è l’app perfetta per fare sexting, ma bisogna stare attenti a non commettere alcuni errori. Vediamo quali sono le regole da seguire.

chiudi

Caricamento Player...

Snapchat è una delle app più usate al momento, soprattutto tra i giovanissimi. Il segreto del suo successo? I contenuti, foto e video, si autodistruggono alla scadere di un timer, che va da 1 a 10 secondi.

Questa caratteristica la rende perfetta per fare sexting, in quanto le foto e i video spariscono senza lasciare tracce compromettenti. Bisogna fare attenzione, però, perché si possono commettere alcuni errori. Vediamo come scambiarsi messaggi hot su Snapchat senza fare brutte figure.

Sexting su Snapchat: come si fa

Sexting su Snapchat
FONTE FOTO: https://pixabay.com/it/snapchat-social-media-smartphone-2480959/

Impostate bene il timer. Come abbiamo anticipato, il tempo minimo è 1 secondo, quello massimo 10 secondi. Un paio di secondi sono l’ideale se si vuole che il destinatario dia solo una sbirciatina alla foto o al video, per rendere le cose piccanti.

Non fate mai screenshot di un video o di una foto che ricevete, la persona che ve l’ha mandata riceverà una notifica e potrebbe non gradire. Meglio chiedere chiaramente una foto da salvare sul cellulare.

Non aprite subito il messaggio, altrimenti sembrarete degli sfigati, che non aspettava altro che ricevere una foto hot.

Fate in modo di essere sexy. Per le donne è più facile, basta mostrare un po’ di seno, per gli uomini le cose si complicano, soprattutto in assenza di addominali scolpiti. Meglio evitare, comunque, un bel primo piano del proprio pene.

Puntate sui video, che spesso sono molto più sexy delle foto. Attenzione ai dettagli, però: se in sottofondo si sente la voce di vostra madre o vostra moglie che vi chiama, la cosa diventa imbarazzante…

Non chiedete foto porno. A meno che non sia l’altra persona di sua spontanea volontà a mostrarsi come mamma l’ha fatto/a, meglio non chiedere foto troppo spinte.

Considerate il rischio. I contenuti si distruggono, verò, ma qualcuno potrebbe sempre fare uno screenshot e mostrare materiale compromettente al vostro capo…