Vi sono diversi modi di migliorare l’aspetto del nostro corpo, come curare la ritenzione idrica con la crioterapia.

La ritenzione idrica è un problema che interessa la maggior parte delle donne: l’effetto della pelle a buccia d’arancia non piace a nessuna, specie in estate quando alcune parti del nostro corpo non sono coperte dagli indumenti: vi sono tantissimi modi, oltre a una dieta equilibrata e a una sana attività fisica, di avere una pelle liscia e tonica senza quegli odiosi buchetti che ci fanno sentire tanto in imbarazzo, ma imparando come curare la ritenzione idrica con la crioterapia ne conosceremo uno in più, decisamente efficace.

La crioterapia è detta anche terapia del freddo, perché è proprio attraverso le basse temperature che il nostro metabolismo inizia a ‘correre’: l’aumento della pressione sanguigna e dei battiti cardiaci consentono al nostro fisico di bruciare fino a 800 calorie in tre soli minuti di trattamento.

Uno dei modi più semplici di curare la ritenzione idrica con la crioterapia è costituito dal massaggio dopo aver avvolto la parte del corpo in cui è presente l’inestetismo in bende ghiacciate: è una crioterapia abbastanza soft rispetto a quella che utilizza temperature che arrivano anche a -160°C. Un altro metodo consiste nel congelare i farmaci drenanti ed inserirli all’interno di un manipolo alimentato a corrente elettrica che andrà passato sulla parte ove è presente ritenzione idrica che ne favorirà la penetrazione all’interno dei tessuti.

Per una seduta anti ritenzione idrica fai da te, possiamo applicare localmente del ghiaccio sulla zona da trattare servendoci della borsa apposita, attendere 10 – 15 minuti finché non si sentirà la pelle addormentata, e poi procedere a un massaggio con la nostra abituale crema anticellulite. In breve tempo la nostra pelle diverrà liscia e setosa, potremo dire addio alla pelle a buccia d’arancia e indossare quei tanto amati shorts che abbiamo lasciato per anni nell’armadio.


Come fare calze befana shabby chic

Come curare la cellulite con la crioterapia