Impariamo come coltivare un albero di mirto, albero molto conosciuto ed apprezzato.

Il mirto, pianta arborea che crescendo può arrivare anche a 7 metri di altezza, è caratterizzata da un fusto dal legno duro e da fiori dal profumo molto aromatico e cresce spontaneamente in Sardegna e in Sicilia. Dalle foglie del mirto si ricava un liquore aromatico dal sapore molto gradevole e conosciuto in tutto il mondo.

Chi non sa come coltivare un albero di mirto e vorrebbe averne uno nel proprio giardino, deve avere a disposizione un terreno siliceo mischiato a terriccio di foglie, che sia esposto al sole e a climi temperati. La sua coltivazione va effettuata da aprile a maggio, tramite talea, staccandone i semi maturi dai rami e piantati in cassette con terriccio leggero e fertile.

In alternativa, a inizio primavera si possono togliere alle piante adulte i polloni giovani e trapiantarli.

Per far sì che le radici del mirto non marciscano, bisogna annaffiare la pianta frequentemente, e il terriccio deve essere arricchito di torba e di foglie secche per facilitare il drenaggio.

La varietà del Myrtus acmenoides presenta foglie profumate dalla cui macerazione si può ricavare un concime necessario alla crescita e al nutrimento del mirto stesso, che mescolato alla torba e alle foglie secche del terriccio contribuirà notevolmente a rendere la pianta forte e rigogliosa.

Seguendo alla lettera questi consigli non avrete nessun problema a coltivare e a far crescere la vostra pianta di mirto, e sarete orgogliosi del vostro pollice verde.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2023 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 30-09-2015


Quanto costa la permanente alle ciglia

Frangia aperta a cuore: per quale tipologia di capelli?