Collezionismo fumetti: da dove iniziare, cosa serve, dove trovare i volumi, come conservarli. Tutto quello che bisogna sapere su come collezionare fumetti.

Tra gli hobby preferiti di molte persone in tutto il mondo, il collezionismo è ancora uno dei più quotati. C’è chi colleziona monete, chi spille, chi francobolli, chi ancora figurine Molto diffuso da noi è però il collezionismo di fumetti. Una passione che nasce fin da piccoli, da quando si inizia a leggere le avventure dei nostri eroi preferiti. Un settore che muove anche una certa economia, visto il valore di alcuni volumi ormai molto rari, ma che si fonda soprattutto sulla passione dei più giovani, ma non solo. Ma come fare a collezionare fumetti? Ecco tutto quello che bisogna sapere!

Collezionismo fumetti: come iniziare

Partiamo dalle basi. Cosa serve per iniziare una collezione di fumetti? Verrebbe da dire di getto… i fumetti, appunto. Ma non basta possedere qualche volume. Come per ogni altra collezione, bisogna avere buona volontà, passione, pazienza e anche spazio per poter conservare i volumi al meglio.

Collezionismo fumetti
FONTE FOTO: https://pixabay.com/it/photos/fumetti-usato-sono-stati-utilizzati-3355815/

Se hai queste caratteristiche, non ti resta che cominciare capendo quale tipo di fumetto vuoi collezionare. Solitamente la scelta avviene in base a quelli che già si possiedono in gran numero in casa, magari ereditati da nonni o genitori. Tuttavia, è sempre una buona consuetudine optare per fumetti che davvero ci piacciono, magari del nostro personaggio o genere preferito. Oppure, cinicamente, ‘scommettendo’ sui fumetti che possono avere nel giro di pochi anni una crescita importante del loro valore commerciale.

Scelto il fumetto, sarà importante procurarsi delle riviste specializzate, in grado di accompagnare noi aspiranti collezionisti nell’acquisto dei fumetti. Gli esperti potranno infatti aiutarci a comprendere quali siano i fumetti più facilmente reperibili e quali quelli rari se non anche introvabili. Una volta individuato il volume che ci interessa, è preferibile acquistarlo in maniera diretta, evitando aste o acquisti online. Il motivo? Un vero collezionista di fumetti deve infatti essere certo dell’aspetto e dello stato di conservazione del fumetto. Se proprio vuoi optare per l’online, assicurati di scegliere siti specializzati e affidabili, come icollezionisti.com o fumettirari.com.

Come conservare i fumetti da collezione

Un aspetto importante per ogni collezionista è conservare gelosamente e al meglio i propri fumetti, mantenendoli in ordine (la scelta in questo caso è del tutto soggettiva, l’importante è sapere sempre dove si trova ogni volume) e ben puliti. In tal senso, è consigliabile utilizzare delle bustine in cui poterli inserire e richiudere. Se non sai dove trovarle, puoi cercarle con semplicità presso il tuo rivenditore di fiducia.

Per quanto riguarda l’ordine, come dicevamo, è molto importante catalogare la tua collezione. Qualunque sia il metodo scelto (data di uscita, numero, ordine alfabetico e così via) devi sempre avere chiaro dove poter rintracciare ogni numero qualora dovesse servirti in qualunque momento. E ricorda anche che una collezione di fumetti, specialmente se numerosa, è molto ingombrante. Assicurati di poterla tenere in un luogo asciutto e ben areato, per non rischiare di doverli accatastare in una cantina, con il rischio di farli rovinare inevitabilmente. Di seguito un esempio di collezione di fumetti:

FONTE FOTO: https://pixabay.com/it/photos/fumetti-usato-sono-stati-utilizzati-3355815/


Occupazione femminile: le proposte di intervento per la violazione delle pari opportunità

Instagram, in arrivo la versione per bambini sotto i 13 anni