Madame Bovary: ecco 3 curiosità sul personaggio di Flaubert

La protagonista del romanzo di Gustave Flaubert è un personaggio affascinante, particolare e unico nel suo genere: scopriamo 3 curiosità su Madame Bovary!

Sognatrice nell’animo più profondo, ma ad un certo punto obbligata a scontrarsi con la triste realtà: Madame Bovary è il personaggio protagonista del libro omonimo di Gustave Flaubert, scrittore francese vissuto nella seconda metà dell’Ottocento. Cosa sappiamo della sua beniamina, diventata anche protagonista di un film? Scopriamo di più sulla vita di Madame Bovary e sulle curiosità del suo personaggio!

La biografia di Madame Bovary

Emma Rouault è di origini francesi e sin da piccola dimostra una certa dedizione per lo studio e per l’apprendimento. Studia in un convento della sua città natale – Rouen – fino alla morte della madre, periodo in cui è obbligata a ritornare nella casa di origine.

Madame Bovary
Fonte foto: https://www.facebook.com/BuonaSerataColCinemaInTv/

Dopo un’emergenza medica che ha visto come protagonista il padre di Emma, la protagonista incontra per la prima volta Charles Bovary, un uomo per bene proveniente da una famiglia benestante della Francia dell’epoca. Con la mente alla letteratura romantica che l’ha accompagnata durante l’adolescenza, Emma sposa il signor Bovary.

Dopo un breve periodo di vita matrimoniale felice e idilliaca (proprio come nei libri che lei tanto amava) Emma si rende conto che la realtà è ben distante dai suoi pensieri e che l’uomo che ha scelto è prevalentemente noioso, spesso assente e incapace di dare stimoli alla moglie.

3 curiosità su Madame Bovary

• Le origini di Emma potrebbero essere reali. Si tramanda che lo scrittore si ispirò alla storia di un uomo di nome Eugène Delamare che ha sposato la figlia di un contadino di nome Delphine. Non sarebbe quindi tutto frutto della fantasia di Flaubert, ma Madame Bovary (con un altro nome) potrebbe davvero essere esistita.

• Il nome Madame Bovary sarebbe venuto in mente allo scrittore durante un’escursione sulle cascate del Nilo. Insieme a lui anche l’amico Maxime Du Camp. Siamo nel 1849.

• Il personaggio anticonformista è stato un punto di partenza per un’immagine nuova delle famiglie spesso insoddisfatte. Dopo il proibizionismo dei primi del Novecento, infatti, il personaggio di Emma è stato preso come punto di partenza anche per la rappresentazione differente delle donne.

Fonte foto: https://www.facebook.com/BuonaSerataColCinemaInTv/

ultimo aggiornamento: 27-05-2019

X