Che cos’è mammografia digitale

Si aprono nuove frontiere per la prevenzione del tumore al seno: è arrivata la mammografia digitale.

chiudi

Caricamento Player...

Uno dei fattori principali atti a scongiurare l’insorgenza di un carcinoma mammario è la prevenzione. Ogni donna dovrebbe sottoporsi a controlli mirati, intensificandoli con l’avanzare dell’età. E’ consigliabile pertanto sottoporsi, anche se non si hanno disturbi, a un esame mammografico. Ma ora al posto dell’esame tradizionale, con la mammografia digitale si avrà un referto molto più dettagliato e tempi di diagnosi decisamente ridotti.

La mammografia digitale utilizza per il monitoraggio e l’esame della mammella un apparecchio chiamato mammografo digitale, in cui non è presente la pellicola radiografica, ma un detettore che assorbendo i raggi X attraverso la mammella li elabora e ne invia la sintesi radiografica su un monitor ad alta definizione: l’immagine può essere successivamente impressa su pellicola o salvata su CD-ROM come file  digitale.

Quando l’area patologica risulta nascosta rispetto al tessuto sano, la mammografia tradizionale non consente di stabilire la reale gravità del problema: con la mammografia digitale, invece, l’immagine può essere schiarita, ravvicinata, controllata in maniera più esaustiva, e la sua risoluzione di contrasto è decisamente più definita. Proprio per questo, è necessaria un’intensità di radiazioni ridotta rispetto all’esame mammografico classico.

La mammografia digitale può essere inoltre inserita in un archivio apposito e può essere trasmessa quasi in tempo reale dall’ospedale di refertazione a qualsiasi centro di consulto al mondo per eventuali approfondimenti.