Che cos’è la dieta giapponese

Lo stile di vita del Sol Levante per tornare in forma

chiudi

Caricamento Player...

Molti invidiano al popolo giapponese la calma e la compostezza, ma anche una diffusa magrezza. Pare infatti che solo il 3% delle donne giapponesi siano obese, una percentuale bassissima rispetto all’Occidente. Questo perché i giapponesi mangiano cibi sani e freschi, come pesce, verdure e riso. Anche voi potete imitare il loro stile di vita salutare con la dieta giapponese, anche perché gli ingredienti orientali sono sempre più facili da trovare. Scopriamo quali sono e come cucinarli.

Le regole principali della dieta giapponese

Il segreto è, prima di tutto, mangiare cibi freschi, naturali e in piccole dosi. Dite addio al microonde, agli alimenti grassi e alle farine raffinate, così come alla grande produzione industriale: la qualità vince sulla quantità. Inoltre, bisogna mangiarli lentamente e con gusto per saziarsi davvero e fare piacere anche agli occhi. Un’altra regola è la quasi totale assenza di latticini, pane e carne. I giapponesi infatti preferiscono riso, verdure, frutta fresca e pesce. Secondo la dieta giapponese, infine, la colazione è fondamentale: la giornata va iniziata con piatti variegati che includono verdura, riso, zuppe, uova e tè verde.

Gli alimenti base della dieta giapponese

Ma quali sono i cibi prediletti dai giapponesi? Per primo c’è ovviamente il riso, meglio se integrale. Poi abbiamo i noodles nelle loro diverse tipologie: ramen, soba, somen, udon. Tutti hanno pochi carboidrati e alcuni sono perfetti anche per i celiaci. Per quanto riguarda la frutta, prediligete cachi, mandarini e mele Fuji. La dieta giapponese non può definirsi tale senza il pesce, soprattutto salmone e sgombro, e il tè verde da bere. Infine abbiamo soia, miglio e tofu, alternativi ai latticini e ricchi di calcio e proteine; e melanzane, fagioli rossi, funghi, cavolo, zenzero, patate, zucca, ravanelli, alghe marine e altre verdure.