Scopriamo quali sono i cereali integrali, perché è importante introdurli nell’alimentazione e quali sono i loro benefici.

Gli alimenti integrali sono un toccasana per la salute e il loro consumo, se effettuato con una certa regolarità, può avere diversi effetti benefici per la salute. Una delle principali caratteristiche rispetto ai cereali raffinati è la ricchezza in fibre alimentari. Vediamo quindi quali sono i cereali integrali con un elenco dei principali che fanno parte di questa categoria di alimenti e scopriamo quali sono le loro proprietà.

Cereali integrali: quali sono?

I cereali integrali si distinguono dai cosiddetti raffinati, la raffinazione è un processo attraverso il quale vengono eliminate alcune parti dell’alimento. In particolare gli alimenti “integrali” mantengono la fibra, ma anche un maggior numero di sali minerali e vitamine, rispetto ai cibi che vengono sottoposti a raffinazione.

Alimenti e cereali integrali
Alimenti e cereali integrali

Tra i cereali e le farine integrali ritroviamo:

  • frumento, sia grano tenero che grano duro, ma anche farro, kamut, cous cous, bulgur
  • riso integrale
  • mais
  • orzo
  • avena
  • segale
  • miglio.

Ci sono poi quelli che vengono definiti “pseudocereali”, che comprendono anche alimenti integrali come grano saraceno, amaranto e quinoa. Ora che abbiamo visto quali sono i principali esempi appartenenti a questa categoria, vediamo quali sono le loro proprietà.

Cereali integrali: le proprietà

Le Linee Guida per una sana alimentazione pubblicate dal Ministero della Salute consigliano di consumare con regolarità cereali e derivati, preferendo in particolar modo quelli di tipo “integrale”. Inoltre, anziché ricorrere a supplementi di fibra è preferibile scegliere gli alimenti che ne sono già ricchi, come appunto i cibi integrali. In particolare nei bambini è bene alternare alimenti integrali e non, per non esagerare con le fibre.

Tra i loro benefici c’è la capacità di ridurre il rischio per le malattie cardiovascolari. Questi alimenti hanno infatti una funzione protettiva perché riducono i livelli di colesterolo cattivo (LDL) e anche di trigliceridi. Inoltre, grazie all’abbondanza di fibre aiutano a prevenire la stipsi e migliorano la regolarità intestinale. Un eccesso di fibre è, invece, sconsigliato quando si soffre di diarrea oppure si hanno problemi di malassorbimento nei confronti di alcuni nutrienti.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 06-03-2022


Segnalibri ad angolo: come realizzarli in modo semplice e veloce

Come si coltiva e si cura il pitosforo?