Caterina Balivo vittima di aggressione

Caterina Balivo racconta la sua verità sulla presunta aggressione al fotografo e afferma di essere stata lei la vera vittima della vicenda

La conduttrice Caterina Balivo ha rotto il silenzio e ha detto la sua in merito alla vicenda che l’ha vista sulla bocca di tutti nell’ultimo periodo. La vicenda è accaduta a Rimini, nel tribunale, dove lei si trovava per una controversia: un paparazzo l’avrebbe denunciata per una presunta aggressione mentre scattava delle foto. Ma la Balivo replica di essere stata la vera vittima dell’aggressione, non viceversa: un fotografo avrebbe deciso di immortalarla senza il suo consenso a udienza terminata, e lei si sarebbe semplicemente battuta per tutelare i suoi diritti.

La Balivo si trovava in tribunale per via di una querela ricevuta

“Voglio fare chiarezza riguardo alle notizie sul mio conto riportate da alcune testate giornalistiche riguardo a quanto è accaduto durante l’udienza presso il Tribunale di Rimini. A udienza terminata, un fotografo di una testata locale, ha scattato alcune foto alla mia persona senza consenso né mio né del giudice.

Ho reagito tentando di prendere la macchina fotografica dell’operatore e chiedendo al giudice di vedere le immagini. Il giudice ha fatto identificare il fotografo sottolineando che in aula non era possibile fare le foto.

Lo stesso fotografo ha poi presentato denuncia ai Carabinieri. Questo è quanto accaduto. In questa situazione sono stata io vittima dell’aggressione e non viceversa, tenendo anche in considerazione la stazza dell’uomo.

Io sono stata spinta con violenza contro la parete dell’aula, ragione per cui il fotografo è stato identificato su ordine del Giudice dai Carabinieri. Alla luce di tutto questo ho deciso di sporgere denuncia per tutelare i miei diritti“. Ha dichiarato la Balivo per fare chiarezza una volta per tutte.

Il fotografo avrebbe quindi presentato denuncia ai carabinieri, ma pare che la vera vittima sia stata proprio la conduttrice.

ultimo aggiornamento: 13-06-2016

X