Grazie ad un’iniziativa davvero singolare, la casa di Gaudì, a Barcellona, apre le porte per una notte al pubblico. Tutto quel c’è da sapere.

Chi è da sempre affascianto dalle opere di Gaudì, ora potrà finalmente realizzare il sogno di vivere in una delle sue creature. Grazie ad un’iniziativa promossa da Airbnb, il primo progetto dell’architetto spagnolo sarà infatti in grado di ospitare i visitatori in modo del tutto esclusivo. Scopriamo insieme come ed in cosa consiste questa particolare esperienza che consente di soggiornare una notte nella casa di Gaudì.

Dormire nella prima casa di Gaudì. Un’esperienza tutta da vivere

Casa Vicens, uno dei primi edifici del movimento Art Noveau, è la prima realizzata dall’architetto Gaudì quando non era ancora famoso.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

casa Gaudì
casa Gaudì

Nata come una residenza estiva di lusso, offre sicuramente diversi spunti visivi a chi è da sempre un fan delle opere di Gaudì. Riaperta al pubblico da poco come museo, grazie ad Airbnb, è stata offerta la singolare posibilità di concedersi un soggiorno da sogno al suo interno.

Un’esperienza che contempla un tour privato con un host che ha preso parte ai lavori di restauro, un acceso esclusivo presso la dimora, una cena ispirata a Gaudì con tanto di menu stellato e una colazione nel giardino privato della città.

Una vera occasione per la quale le prenotazioni si sono aperte il 12 Luglio. In quella data, infatti è stato messo a disposizione un solo soggiorno che, inutile dirlo, è stato subito conquistato.

Come si è svolta la singolare prenotazione della casa di Gaudì

La particolare occasione di soggiornare per una notte (quella del 7 Ottobre 2021) presso la casa di Vincens Antonì Gaudì si è svolta tramite prenotazioni. Con una sola disponibile e alla simbolica cifra di un euro, la casa è stata subito prenotata e al momento non c’è modo di sapere quando sarà possibile ripetere quest’esperienza più unica che rara.

Chi ne ha davvero voglia, dovrà quindi restare in attesa di nuovi aggiornamenti da parte del sito e sperare che l’esperimento sia riuscito al punto tale da rendere le prenotazioni più frequenti e con maggiori margini di tempo per conquistare una notte in una delle case più famose di Barcellona.
Il tutto per un soggiorno che sarà sicuramente indimenticabile sia per gli amanti di Gaudì che per coloro che ammirano l’arte in generale.


Al via le prenotazioni per i primi viaggi turistici nello spazio: ecco quanto costa

Green Pass: cosa fare quando non arriva l’sms per ottenerlo